fbpx

De Ponti: cosa accade quando si corre in natura

È incredibile quante cose cambino nel momento in cui variano la superficie e le altre condizioni in cui si corre. Quelle del trail running, in particolare, fanno dell’irregolarità l’identità stessa di quel tipo di corsa. Che mette alla prova muscoli, tendini ed equilibrio posturale.

Pillole di saggezza ortopedica, che il nostro specialista Luca De Ponti su Correre di marzo rivolge a chi sta decidendo di dedicarsi alla corsa off-road.
Eccone un assaggio

Correre sul prato

I prati sono superfici ad alta capacità di ammortizzare il nostro impatto col suolo, di disperdere le forze di attrito e di ridurre le possibilità di stress.

Correre al buio

Chi è abituato a correre in condizioni di luce scarsa, per esempio i lavoratori costretti ad allenarsi la mattina presto o la sera tardi, risulta meno penalizzato rispetto a chi corre solo occasionalmente in situazioni di poca illuminazione.

Salite e discese

La corsa in discesa può risultare traumatica per via dei tempi di appoggio prolungati e degli effetti torsionali esasperati; dell’impatto della decelerazione sulla schiena, sulla muscolatura degli arti inferiori e sulla muscolatura paravertebrale; maggiore incidenza di distorsioni dell’articolazione tibio-tarsica.

Articoli correlati

Schiena e corsa

Fondamentale per il nostro bagaglio motorio, il ruolo della schiena nella pratica del running non va mai sottovalutato. Nel momento della spinta in avanti c’è un adattamento della postura con contrazioni dei muscoli paravertebrali. La schiena è quindi una struttura indispensabile per tutta l’economia di corsa e svolge un ruolo importante nell’assorbimento degli impatti. Sono […]

Occhio all’anca: ecco come evitare problemi

L’anca del runner Una delle verifiche inevitabili dopo anni di corsa riguarda la funzionalità e l’efficienza dell’articolazione dell’ anca. Se essa gode di buona salute avremo infatti un lasciapassare per tanti altri anni di attività, se ci sono dei segni evidenti di usura è bene capire come comportarsi. Il ruolo dell’anca L’anca, ovvero l’articolazione coxo-femorale, […]

Tendine rotuleo e running: tutto quello che c’è da sapere

Il tendine rotuleo, piuttosto grosso, costituisce anatomicamente la parte terminale del quadricipite e sopporta la forza contrattile espressa da questo muscolo. Nella corsa svolge un’importante azione eccentrica di allungamento, favorendo l’ammortizzazione nell’impatto con il terreno: la plasticità del suo comportamento determina l’armonia del gesto atletico. La forza espressa dal quadricipite e la relativa collaborazione del […]

Ginocchia: 5 sintomi da interpretare in modo corretto

Abbiamo più volte affermato come una delle caratteristiche salienti dell’atleta evoluto sia quella di ascoltare i segnali del proprio corpo in relazione agli stimoli allenanti: Ciò può avvenire in modo frequente durante e dopo una seduta e risulta particolarmente importante per alcuni distretti anatomici, tra cui le ginocchia, serie protagoniste della locomozione dell’atleta. Si tratta […]