Dal ciclismo alla maratona

Dal ciclismo alla maratona

27 Settembre, 2016

Sono molti i grandi campioni delle due ruote che, una volta scesi dalla bicicletta, si sono cimentati sui 42 km. Con risultati notevoli. L’elenco è lungo, qualificato e, in alcuni casi, ricco di asterischi a testimoniare un passato non proprio irreprensibile, a cominciare da Lance Armstrong.
Il texano è sbarcato nel pianeta maratona come una star nel 2006, quando la confessione di fronte a Oprah Winfrey non era ancora in scaletta e la Nike gli metteva a disposizione Alberto Salazar (il coach di Mo Farah e Galen Rupp) per debuttare a New York. Voleva finire sotto le tre ore e fece 2:59’36”. Da agonista senza freni, non si è fermato lì: quasi 13’ di miglioramento l’anno seguente (2:46’43”).

Sugli stessi ritmi ha corso pure Laurent Jalabert (campione mondiale a cronometro e vincitore di due classiche monumento come la Milano-Sanremo e il Lombardia), che a quasi 39 anni, nel 2007, ha portato a termine la maratona di Barcellona in 2:45’52”.
Abraham Olano è l’unico ciclista che (negli ultimi 25 anni) è riuscito a vincere il Mondiale sia nella prova in linea sia a cronometro. Doti eccezionali che hanno permesso allo spagnolo di correre la maratona di San Sebastian in 2:39’19”.
Diverso invece l’approccio dell’ex primatista dell’ora Chris Boardman, che nel 2009 ha chiuso la maratona di Londra con un onorevole 3:19’27” per raccogliere fondi a favore della National Autistic Society.

E l’Italia? Il principale esponente è il commissario tecnico della nazionale di ciclismo Davide Cassani, con un PB di 2:45’27” ottenuto nel 2013, due settimane prima di compiere 53 anni. Nel 2015 ha partecipato anche alla 100 km del Passatore, portati a casa in 9:28’12”. Anche Paolo Bettini, campione olimpico di ciclismo su strada ad Atene 2004 e vincitore del titolo mondiale nel 2006 e nel 2007, dopo avere lasciato il professionismo si è dato al podismo e ha preso più volte parte alla maratona di Livorno.

Chiudiamo con una maratona ancora da correre: Ivan Basso, l’ex ciclista professionista, vincitore di due edizioni del Giro d’Italia e per due volte sul podio al Tour de France, ha dichiarato che parteciperà alla Venice Marathon del prossimo 23 ottobre. I suoi allenamenti si possono seguire, passo per passo, anche sui social network di Venice Marathon.

Articoli correlati

La sfida di Roma: numero chiuso a 30.000

19 Luglio, 2024

Per la prima volta in una maratona italiana è stato fissato un numero chiuso a 30.000 iscritti. A pari periodo (luglio 2023-luglio 2024) il numero delle iscrizioni è già raddoppiato per la 30esima edizione del 16 marzo 2025, anno giubilare. Raddoppiano le giornate di sport: Fun Run 5km anticipata al sabato mattina 15 marzo L’obiettivo […]

Lucio Gigliotti compie 90 anni: auguri “Proffe”

09 Luglio, 2024

Luciano “Lucio” Gigliotti è nato ad Aurisina (TS), il 9 luglio 1934. Anche Correre festeggia i 90 anni dell’allenatore che in maratona ha costruito le carriere di Gelindo Bordin, Stefano Baldini e Maria Guida. Ecco una sintesi della lunga intervista pubblicata nel numero di luglio. Il 9 luglio sono 90 anni. Superfluo ribadire che non […]

Il recupero post maratona

Una delle problematiche tecniche che non possono avere una risposta univoca riguarda il periodo di recupero post maratona, perché il tempo necessario di recupero può dipendere da molti fattori.  Quando si parla di recupero post maratona, la prima cosa da valutare sono le condizioni fisiche di chi ha disputato la maratona: c’è chi arriva al […]

Crippa: “A Parigi tutto può succedere”

27 Maggio, 2024

Yeman Crippa ai microfoni della CorrereTV racconta il suo avvicinamento a Europei e Olimpiadi. Ma non solo… Tra poco gli Europei di Roma, prima tappa e subito dopo testa alle Olimpiadi di Parigi.Prosegue il percorso di avvicinamento di Yeman Crippa verso gli obiettivi di questa stagione ricca di appuntamenti importanti.L’azzurro ha da poco testato il […]