Corsa lenta e infortuni: attenzione a correre troppo piano

Corsa lenta e infortuni: attenzione a correre troppo piano

Potenziali patologie legate alla corsa lenta

Sono situazioni dove la corsa lenta può esaltare alterazioni biomeccaniche significative. Il mix dei due elementi può portare ad infiammazioni prima ed a patologie da sovraccarico nel tempo.

  • Sindrome della bendelletta ileo tibiale. E’ una infiammazione di strutture legamentose sul lato esterno del ginocchio dovuto ad una eccessiva intrarotazione della tibia nella fase di appoggio del piede
  • Infiammazione del tibiale posteriore. E’ dovuta ad un eccesso di stiramento dello stesso tendine quando il piede prona troppo. Il contenimento di tale movimento è affidato al tibiale posteriore e quindi alla sua contrazione che limita tale escursione mediale
  • Periostite della tibia. Il meccanismo è lo stesso ma è l’inserzione prossimale del tibiale posteriore a farne le spese con l’interessamento della porzione periostale dell’osso a livello della tibia. I tempi di recupero possono essere spesse volte lunghi per la tipologia del danno osseo.
  • Infiammazioni del tendine di Achille al terzo medio. Sono legate all’allungamento dello stesso tendine con punti di trazione non fisiologici che portano a squilibri con aree del tendine più sollecitate di altre perché lo stiramento non è omogeneo
  • Fasciti plantari. E’ in particolare la porzione mediale della fascia, quella facente capo al muscolo abduttore dell’alluce che può essere stirata sistematicamente in eccesso ai ritmi molto lenti. La sofferenza può poi manifestarsi nel punto di inserzione della fascia sul calcagno associandosi nel tempo alla formazione delle cosiddette spine calcaneari.

Come comportarsi

Le precauzioni basiche sono quelle di utilizzare scarpe più stabili ai ritmi lenti e, nei casi nei quali è evidente un difetto di appoggio, ricorrere ad ortesi plantari correttive di livello, meglio se elaborate con i sistemi cad-cam.

Indietro
Pagina 2 di 2
Avanti

Articoli correlati

Evitare gli infortuni e ricominciare

Le indicazioni base da seguire per riprendere a correre e allo stesso tempo evitare gli infortuni sono due: buon senso e pazienza. Ecco alcuni suggerimenti per riadattarsi in modo progressivo allo stimolo allenante dopo un lungo stop. Da un punto di vista statistico la fase di ripresa, soprattutto per chi è stato fermo del tutto […]

Camminare fa dimagrire?

Ed è possibile dimagrire con la sola camminata? Intanto è bene ricordare che dimagrire non significa perdere peso bensì consumare e utilizzare il tessuto adiposo, la nostra “riserva energetica” per particolari situazioni funzionali non così facili da ottenere. Infatti prima di iniziare ad intaccare i cosiddetti “substrati lipidici” (il grasso) il nostro metabolismo ha un […]

Come preparare una gara di 10 km

I consigli su come costruire una condizione solida guidati dallo stimolo per il raggiungimento di un traguardo: una gara di 10 km da affrontare bene. Il successo crescente delle gare di 10 km conferma che si tratta di un obiettivo alla portata di molte persone di tutte le età e condizioni fisiche.Il nostro monitoraggio del […]

Abc del running: come il corpo si adatta alla corsa

L’adattamento alla corsa del muscolo Il muscolo ha una grande capacità di adattamento in relazione al carico applicato sia per quanto riguarda la resistenza all’esercizio sia per quanto concerne il carico assoluto nell’unità di tempo. E’ altrettanto vero che queste capacità si conquistano nel tempo, grazie ad un allenamento mirato e progressivo. Anche le caratteristiche […]