fbpx

Come vestire le calze a compressione in 4 semplici mosse

Un migliore trasporto di liquidi nel corpo, un maggior ritorno sanguigno verso il cuore, una più efficace distribuzione dell’ossigeno a muscoli in attività e di conseguenza una maggiore resistenza. Questi sono solo alcuni dei benefici derivanti dall’uso di calze e prodotti a compressione graduata durante e dopo uno sforzo intenso e prolungato.

Tecnologia made in Italy, le calze a compressione Oxyburn come la 1355 Run Smart sono versatili e creano un effetto “esoscheletro” sostenitivo per la massa muscolare. Per ottenere il massimo delle prestazioni è però importante indossarle in modo corretto.

Ecco come in quattro semplici gesti:

1 Aprire la calza e raccoglierla a ciambella sulla punta del piede. Posizionarla con attenzione su punta e il tallone, con movimenti circolari attorno al piede.

2 Nel punto di passaggio del tallone premere con forza con entrambi i pollici per allargare la maglia e passare alla caviglia, poi continuare con il tiraggio ed i movimenti circolari.

3 Continuare ad infilare la calza srotolando con cura. Accompagnare con le mani ed i pollici infilati tra la calza e il polpaccio, tirando delicatamente e in modo continuo, con movimenti circolari intorno alla gamba.

4 Assicurarsi che il gambaletto sia ben teso e in giusta posizione.

Il risultato è una distribuzione corretta dei gradi compressivi e un’azione efficace della calza sulla muscolatura della gamba. A questo punto non resta che mettere le scarpe e uscire a correre con le 1355 Run Smart, che permetteranno di mantenere la condizione ideale di temperatura, traspirazione, tono e comfort.

Articoli correlati

Booster Elite Evo2, la nuova generazione di gambali a compressione

22 Marzo, 2019

L’anno 2019 segna un nuovo punto di svolta per BVSPORT con l’evoluzione del Booster Elite, prodotto faro dell’azienda. Questa importante innovazione consiste in un principio unico di rottura delle vibrazioni, integrato durante la fase di fabbricazione dei gambali a compressione Made in France: dopo oltre 20 anni di ricerche, innumerevoli studi scientifici e validazioni, questa […]