fbpx

Charity Awards: la consegna dei trofei solidali di Generali Milano Marathon 2019

Foto Milano Marathon / La Presse
Di: A cura della redazione

Si sono svolti lunedì sera, presso la Sala Buzzati della Fondazione del Corriere della Sera, i Charity Awards, cerimonia di premiazione che ogni anno RCS Sports & Events – RCS Active Team organizzano per tributare il giusto riconoscimento a tutte le organizzazioni non profit, alle aziende solidali, alle staffette e ai singoli fundraiser che si sono particolarmente distinti nella raccolta fondi in occasione della Generali Milano Marathon che si è tenuta lo scorso 7 aprile. 

L’iniziativa è l’atto conclusivo del Charity Program, il progetto solidale promosso ogni anno, a partire dal 2010, dalla 42km meneghina, per incentivare i runner a supportare, con la propria partecipazione, una delle oltre 100 ONP coinvolte, aiutandole a raccogliere fondi per finanziare le proprie attività.

Quest’anno, con oltre un 1,3 milioni di euro donati sulla sola piattaforma di Rete del Dono (non considerando quindi gli altri canali che fanno aumentare il valore complessivo della raccolta), Milano si posiziona al secondo posto in Europa tra gli eventi sportivi charity, alle spalle soltanto dell’inarrivabile London Marathon. 

Rete del Dono, oltre a fornire la piattaforma di raccolta delle donazioni, contribuisce alla perfetta riuscita del Milano Marathon Charity Program organizzando i numerosi workshop formativi che accompagnano i charity partner dalla loro adesione fino al giorno dell’evento, con interessanti case studies e focus sulle strategie più efficaci per raggiungere gli obiettivi di raccolta fondi prefissati.

Premiate infine alcune delle aziende che hanno preso parte al Charity Program, che hanno supportato i progetti delle associazioni  utilizzando la Relay Marathon come una occasione di team building e di CSR (Corporate Social Responsibility). Grazie al programma sviluppato da RCS Sports & Events – RCS Active Team, un numero sempre maggiore di aziende ha coinvolto il proprio staff nella Europ Assistance Relay Marathon, staffetta amatoriale a team di quattro persone. 

Una partnership consolidata e di grande importanza questa con Europ Assistance, Title Sponsor della staffetta, che proprio quest’anno, in occasione della maratona di Milano, ha potuto festeggiare il decennale della sua sponsorizzazione. Da sempre al fianco dei partecipanti, ha potuto fornire il suo servizio di assistenza sanitaria, tra gli elementi di eccellenza della 42km meneghina. 

Di seguito i riconoscimenti divisi per categorie:

1a CATEGORIA: ONP TOP FUNDRAISER

Le 3 Onlus che hanno raccolto più fondi sul portale di Rete del Dono

1a Classificata: Dynamo Camp

2a Classificata: Associazione Vidas

3a Classificata: RunForEmma

2a CATEGORIA: AZIENDE TOP FUNDRAISER 

Le 3 aziende che hanno raccolto più fondi sul portale di Rete del Dono

1a Classificata: Pfizer

2a Classificata: Genio In 21 Giorni

3a Classificata: Engel & Völkers

3a CATEGORIA: STAFFETTE

La staffetta che hanno raccolto più fondi sul portale di Rete del Dono

1a Classificata maschile: Supereoi “Una mano per” 

1a Classificata femminile: Nuovamente Insieme 

1a Classificata mista: KeepSMAiling and Carry On 

4a CATEGORIA: MARATONETI

I maratoneti che hanno raccolto più fondi sul portale di Rete del Dono

1a Classificato: Simone Blasi

1a Classificata: Angela Lanna

5a CATEGORIA: PREMIO FABRIZIO COSI – BEST ONP

Il premio è intitolato alla memoria di Fabrizio Cosi, fondatore e anima del club podistico solidale Podisti da Marte, scomparso prematuramente nel 2015.

Premio Fabrizio Cosi Best ONP: Filk08 a sostegno di Vidas   

Articoli Correlati

Generali Milano Marathon: aperte le iscrizioni alla XX edizione
Running Festival
Valencia vs Milano: grandi maratone a confronto al Milano Running Festival
Milano Marathon: l’obiettivo è abbattere il muro delle 2:07′
MyMarathon
MyMarathon 2019, torna il progetto di allenamento dedicato alle donne
E’ una Milano Marathon proiettata al futuro e con lo sguardo rivolto a Berlino
Laura Gotti andrà agli Europei: “Emozionata, ma rimango con i piedi per terra”