Yeman Crippa doppia 5 e 10 mila ai Campionati Europei di Berlino

Foto Giancarlo Colombo
Di: Walter Brambilla

Ne è informato. Sa benissimo che Alberto Cova, Stefano Mei e Salvatore Antibo e, andando a ritroso nel tempo Pippo Cindolo, senza scordarci di Daniele Meucci sono saliti sul podio nei Campionati Europei. Conosce la storia dell’atletica italiana è sa che nel 1986 riuscimmo a fare tripletta nei 10.000 a Stoccarda in una serata nella quale in TG Uno aprì l’edizione della notte con il tris di medaglie azzurre. Proprio per questo motivo Yeman Crippa martedì 7 agosto prima che il sole sia definitivamente tramontato dietro l’Olympiastion di Berlino, scenderà in pista nei 10.000 m con l’intenzione di ripeterne le gesta.

Sono 25 giri e il ragazzo delle Valli Giudicarie, dopo il significativo 27’44”21 del 19 maggio a Londra ha sciolto ogni dubbio: “I 10.000 mi vedranno tra i protagonisti”. Quella sera, il 21enne azzurro confermò lo stato di grazia mostrato nello stesso mese quando a Palo Alto (Usa) con 13’18”83 era divenuto primatista italiano under23. L’allievo di Massimo Pegoretti ha centellinato le sue gare, poche, per non dire pochissime, tanti allenamenti, chilometri, fatica, sudore, impegno, caratteristiche che non sono mai mancate al ragazzo che veste i colori delle Fiamme Oro. L’ultimo mese l’ha trascorso al Sestriere, dal 3 al 26 luglio, poi dopo una sola notte trascorsa a Trento (dove abita) ha pensato bene di spostarsi a Cles. Il clima più fresco gli permetterà di rifinire la sua preparazione in vista di Berlino.

All’inizio dell’anno lo scopo della stagione era incentrato, sì sull’appuntamento berlinese, ma sulla sola distanza dei 5.000. Dopo la gara di Londra Yeman Crippa ha intuito che la possibilità di arrivare a un ottimo risultato era più che buona, pertanto ha accarezzato l’idea di doppiare l’impegno. Si parte pertanto con i 10.000 e quattro giorni più tardi finale dei 5000, non ci sono batterie.

Con chi si dovrà battere? Nella distanza più lunga con Ringer (Ger) e Amoudi (Fra) che l’hanno battuto a Londra. Ma quella sera Yeman nell’ultimo giro ebbe qualche problema con i doppiati, lo ribadisce ogni volta. “Non ero contento della mia gara”. A Berlino dovrà stare attento proprio ai due suindicati, oltre ai probabili turco/keniani che venderanno cara la pelle. “Molto più difficile la gara sui 5.000, ci ricorda Yemanse si presentano i fratelli Ingebritsen…. “
Prima di volare a Berlino Yeman Crippa ha provato i cilindri del proprio motore e sulla pista di Pinerolo, ha chiuso in 3’38” una prova sui 1500. Non è finita, si è tinto i capelli di biondo. Vuole farsi notare? L’importante che lo faccia in pista, dove chi scrive è sicuro la sua parte la farà sino in fondo. Il count down è iniziato. Incrociamo le dita!

P.S. Zona mista si trasferisce a Berlino. Per gli Europei diverrà una striscia quotidiana. Abbiamo già coniato il nuovo nome “Zona Mista – Speciale Campionati Europei – Come vedete la nostra fantasia non ha limiti!

Articoli Correlati

Dalia Kaddari
Due medaglie italiane alle Olimpiadi giovanili di Buenos Aires
Yohannes Chiappinelli
Chiappinelli ottimo terzo alla Continental Cup di Ostrava 
Semenya protagonista al World Challenge Iaaf di Berlino
Stefano Baldini lascia la Fidal
Muir, Hassan e Krause dominano il mezzofondo nell’ultima giornata di Berlino 2018
Oro, argento e bronzo: esulta l’Italia della maratona!