fbpx

Rewind 2021: riviviamo un anno di corsa

29 Dicembre, 2021
Foto Giancarlo Colombo

Terza parte (di 6 totali) del nostro riepilogo di un anno da incorniciare per il running e per l’atletica: ecco gli episodi di spicco dei tre mesi di aprile, maggio e giugno, con la corsa contro il tempo degli atleti per ottenere i tempi “minimi” per partecipare ai Giochi olimpici e il timido ma progressivo ritorno delle gare per tutti.

4 aprile– Istambul (TUR) – Alla Istanbul Half Marathon, la keniana Ruth Chepngetich porta il record del mondo a 1:04’02”.

11 aprile– Siena – Alla disperata caccia degli standard di accesso ai Giochi di Tokyo, tanti top runner animano la maratona all’aeroporto di Sovicille / Ampugnano: 23 uomini chiudono la gara prima delle 2 ore e 10 minuti. Con 2:20’08” la keniana Angela Tanui firma il tempo più veloce mai ottenuto in Italia. Mancano di poco la convocazione olimpica Stefano La Rosa (2:11’42” rispetto al minimo di 2:11’30”) e Valeria Straneo (2:30’33” rispetto a 2:29’30”). Per la primatista italiana è l’addio alla maratona. In giornata arriva la notizia della positività al Covid di Daniele Meucci

18 aprile– Twente / Eschede (NED) – Di nuovo “airport marathon”, ma in Olanda, dove Eliud Kipchoge liquida in 2:04’30” il pro-forma del minimo olimpico. A fare notizia è il dispositivo per il controllo in corsa del glucosio che spicca appeso al braccio del primatista del mondo.

24 aprile– Milano – (col senno di poi / 5) – La crescita di Nadia Battocletti è sotto gli occhi di tutti: il suo 15’36”39 all’Arena di Milano rappresenta la miglior prestazione italiana under 23 dei 5.000 m, limite che resisteva da 32 anni.

1-2 maggio– Chorzow (POL) – Dalle World Relays gli azzurri tornano con due ori (4×100 donne e 4×400 mista), un argento (4×100 uomini), un quarto (4×400 uomini) e un quinto posto (4×400 donne). In questo modo l’Italia si “mette avanti coi compiti” ottenendo già l’accesso a Tokyo 2020 per le proprie formazioni.

2 maggio– Molfetta (BA) – Dopo il cross ecco il secondo tricolore di Iliass Aouani, che vince il campionato italiano dei 10.000 m. Gli altri titoli vanno a Martina Merlo e agli under 23 Anna Arnaudo e Pasquale Selvarolo

2 maggio– È anche la domenica della ripartenza della corsa su strada per tutti, con le prime manifestazioni competitive con partenza a ondate, distanza di un metro tra i concorrenti e mascherina indossata per i primi 500 metri: sedi che resteranno simbolo del “ritorno”: Merano (Half marathon Merano-Lagundo), Repubblica di San Marino (Space Ten), Trieste (Trieste Half marathon) e Vigevano (Scarpa d’oro).   

13 maggio– Savona – Record italiano di Marcell Jacobs nei 100 m, 9”95.

15 maggio – Cantalupo Ligure (AL) – La 16ª edizione de “Le Porte di Pietra” assegna i titoli italiani Fidal di trail running ad Andreas Reiterer e Giuditta Turini.  

16 maggio – Milano – Ecco la maratona più veloce mai corsa su territorio italiano: 2:02’57” del keniano Titus Ekiru (nella foto) e 2:19’35” dell’etiope Hiwot Gebrekidam Gebremaryam.

16 maggio – Podebrady (CZ) – (Col senno di poi / 6) – Antonella Palmisano conquista la medaglia d’oro agli Europei a squadre (ex Coppa Europa) nella 20 km di marcia e la dedica ad Alessandro Talotti, saltatore in alto scomparso proprio quel giorno dopo una lunga malattia. 

22 maggio – Imola – L’autodromo “Dino ed Enzo Ferrari” ospita il Campionato italiano Fidal di 100 km per Assoluti e Master. Titoli a Marco Menegardi e Denise Tappatà. Diretta TV dell’evento con 632.000 visualizzazioni.

22 maggio – Andujar (ESP) – Cresce ancora Nadia Battocletti: 15’16”70 nei 5.000 m, a 20 secondi dal minimo olimpico. 

23 maggio – Paratico (BS) – Rientro di Sara Dossena nei 10 km.

30 maggio– Chorzow (POL) – Ai Campionati europei a squadre si mettono in luce Nadia Battocletti, Faustino Desalu, Gaia Sabbatini, Alessandro Sibilio e Yeman Crippa.

30 maggio– Brescia – Secondo step del ritorno di Sara Dossena, in cerca di una condizione che le permetta di andare ai Giochi olimpici: chiude in 1:16’03” un test sulla mezza maratona. 

30 maggio – Aggiornato il protocollo per le gare su pista. Dal 1° giugno, in zona gialla, è ammesso il pubblico fino al 25% della capienza dell’impianto e comunque non più di 1.000 spettatori

5 giugno – Gravellona Toce (VCO) – Nadia Battocletti si supera ancora: 8’54”91 nei 3.000 m, miglior prestazione italiana under 23.

6 giugno – Hengelo (NED) – L’olandese Sifan Hassan stabilisce il record del mondo nei 10.000 m con il tempo di 29’06”82. 

8 giugno – Hengelo (NED) – Questa volta è l’etiope Letesenbet Gidey a stabilire il primato dei 10.000 m con 29’01”33. 

10 giugno – Firenze – L’edizione fiorentina del Golden Gala è illuminata dal record europeo dei 5.000 m di Jacob Ingebrigsten: 12’48”45. Tra gli azzurri brilla il giovane Ahmed Abdelwahed, 8:12”04 nei 3.000 siepi.

11 giugno 2021 – RomaA 75 anni scompare Paola Pigni, bronzo olimpico nei 1.500 m ai Giochi di Monaco 1972 e apripista del mezzofondo femminile. 

12 giugno – Nizza – Si conclude con successo l’inseguimento di Nadia Battocletti al minimo di partecipazione ai Giochi di Tokyo: con 14’58”73 nei 5.000 m diventa la seconda italiana di sempre.

13 giugno – Verona – Riparte la Giulietta&Romeo half marathon, tra le ultime grandi corse italiane a svolgersi prima dell’inizio della pandemia: vincono Eyob Faniel in 1:03’26” e la keniana Angela Tanui  (dominatrice della maratona di Siena, 11 aprile) in 1:09’45”, alle cui spalle brilla per condizione Giovanna Epis: 1:11’25”.

23 giugno – Sara Dossena rinuncia ai Giochi olimpici.

26 giugno – Jesolo – Moonlight Half Marathon – Ripartenza anche in Laguna e stavolta davanti al pubblico. Serrato rush finale al maschile (l’etiope Arit Taye Girma, 1:04’11”, sui keniani Nyakundi e Riungu) e dominio dell’etiope Engidu Ayele in 1:16’42”.29 giugno – Niente olimpiadi anche per Larissa Iapichino, causa infortunio.

REWIND 2021: Gennaio e febbraio

REWIND 2021: Marzo