fbpx

Provate per voi: New Balance Fresh Foam Hierro V5

27 Ottobre, 2020
“Scarpe assai piacevoli e indistruttibili, ben ammortizzate, sicure, protettive e ultra comode, validissime su ogni terreno. Sono consigliabili ad utenti di ogni peso (anche elevato) e capacità”. Vediamo nei dettagli i motivi del giudizio del nostro esperto di scarpe da running.

Da cinque anni, le Hierro svettano fra le protettive per il trail dell’azienda di Boston, essendo subentrate alle prestigiose 1210 Leadville.

Suola – Nel tempo queste scarpe sono state aggiornate, modificate e costruite con materiali sempre più evoluti, mantenendo come punto fermo una bella suola Vibram, a tutta lunghezza, con una grande superficie di contatto. Da alcune edizioni, essa è stampata con la preziosa mescola MegaGrip, dimostratasi la migliore sul mercato, capace di integrare al meglio trazione, aderenza e durata. 

Inoltre, le suole delle Hierro beneficiano di un design peculiare, con una tacchettatura parzialmente “in negativo”, su una matrice di maglie esagonali a dimensione variabile, avente un duplice scopo: ridurre i danni lasciati sui manti erbosi e garantire prestazioni ed efficienza, facilitando lo scarico dei detriti.

Intersuola – Sopra la suola è montata un’intersuola in FreshFoam X, il compound più morbido e protettivo sviluppato dalla New Balance. Con questa, le scarpe fornite per il test (in taglia 12.5 US), raggiungono uno spessore complessivo di 21 mm sotto le teste dei metatarsi e 33 sotto al calcagno. Il differenziale effettivo quindi risulta di 12 mm, mentre l’azienda dichiara un differenziale di 8 mm sulla taglia centrale.

Tomaia – Nella 5a edizione, la tomaia delle Hierro (140 € di listino), abbandona il colletto a calzino elastico della V4, per tornare ad un taglio più classico, con spoiler posteriore e doppia linguetta indipendente, entrambi un po’ over-size.

La base della tomaia è ora in maglia tridimensionale traforata, rivestita da un bagno di poliuretano, per aumentare la resistenza del tessuto e minimizzare l’assorbimento d’acqua. Una doppia applicazione rinforza ulteriormente il puntale. Doppia copertura della linguetta e doppio spessore anche sulla conchiglia intorno al calcagno. L’allacciatura è realizzata con quattro passanti in nylon, di dimensioni maxi, con taglio asimmetrico e soffietti interni, che evitano l’ingresso di detriti. 

Il sottopiede estraibile è in Ortholite, da 4 mm. Con tutto ciò le scarpe testate raggiungono il peso di 414 grammi, con 359 grammi dichiarati per la taglia centrale.

New Balance Fresh Foam Hierro V5

Il comportamento su strada

Ho corso con le New Balance Fresh Foam Hierro V5 su vari terreni, asciutto e bagnato, in piano, in salita e in discesa, su sentieri di diverso tipo, ed ho potuto apprezzarle in ogni situazione. Hanno dimostrato di comportarsi come un bel “tank”, in grado di portarvi ovunque nella massima sicurezza e confort. L’ammortizzazione è extra lusso, tuttavia è mantenuta una valida sensibilità sotto le dita, utile a leggere il terreno. Si fa apprezzare il comportamento omogeneo: non importa dove, o su cosa, il piede vada ad impattare, la suola protegge sempre da ogni sollecitazione e mantiene ben ancorati al terreno e non è male neanche su rocce bagnate. La flessibilità è corretta e il piede lavora ben protetto ma nel rispetto della sua funzionalità, con un ampio spazio sopra le dita. Anche nei traversi, la scarpa si adatta agevolmente ed accompagna ogni passo in buona sicurezza. Sono quindi scarpe utilizzabili, con molto profitto, per corse di qualunque durata, soprattutto ultra.

Messe alla prova anche sull’asfalto, hanno dimostrato di mantenere un comportamento eccellente, con un’invidiabile ammortizzazione, non disgiunta da un valido smorzamento delle forze orizzontali, risultanti dalle frenate che si verificano ad ogni impatto: esattamente all’opposto di molte scarpe da trail con tacchettatura aggressiva, che invece restano da usarsi solo fuoristrada.

Inoltre, grazie alle superiori doti di comodità, protezione e resistenza, queste Hierro si sono fatte apprezzare parecchio anche per un uso escursionistico, dimostrandosi perfette per le lunghe camminate in giornata (o di più giorni), rivelando così una doppia personalità, con la quale, in realtà, le ha concepite la New Balance.New Balance Fresh Foam Hierro V5

In conclusione

Sulla base della mia esperienza, ritengo le New Balance Fresh Foam Hierro V5 scarpe assai piacevoli e indistruttibili, ben ammortizzate, sicure, protettive e ultra comode, validissime su ogni terreno. Sono consigliabili ad utenti di ogni peso (anche elevato) e capacità e si sono dimostrate ottime sia per correre che per le escursioni e il trekking. Penso si tratti di uno fra i modelli più comodi, duraturi e polivalenti di sempre, grazie al sommo confort e all’elevata protezione, che ben ripagano dall’investimento. 

Ai lettori 

Peso 75 Kg, sono alto 182 cm. E’ possibile che podisti di peso diverso e/o con un diverso stile di corsa, o una taglia diversa, percepiscano sensazioni differenti. L’adattamento indicato, relativamente a morfologia, biomeccanica e uso (essendo soggettivo) è il mio, personale, e probabilmente risulterà diverso per altri.

Le scarpe per questo test sono state fornite gratuitamente da New Balance Italia, tuttavia non esistono vincoli capaci di influire sull’indipendenza della valutazione fornita.

New Balance Fresh Foam Hierro V5

La scheda

categoria: trail running protettive
UOMO misure: US da 7 a 14 / peso: g 359
DONNA misure: US da 5 a 11 / peso: g 299
prezzo: euro 140,00

Tomaia con costruzione a stivaletto, in mesh chiuso rivestito in poliuretano termoplastico (TPU) con protezione Toe Protect in gomma sulla punta; conchiglia tallonare rinforzata.
Allacciatura tradizionale, integrata e a sostegno della tomaia, con linguetta a soffietto.
Plantare sagomato e traforato, estraibile.
Intersuola in Fresh Foam X a geometrie intelligenti, convesse e concave. Differenziale 8 mm.
Suola in Vibram MegaGrip con tasselli dal disegno aggressivo e aletta tallonare. 

Note del produttore, categoria New Balance: Trail Running Neutral Cushioning.