fbpx

Provate per voi: Hoka OneOne Clifton Edge

Provate per voi: Hoka OneOne Clifton Edge

20 Ottobre, 2020
“Scarpe da strada leggere, del massimo livello, tra le migliori oggi disponibili. Sono ultra-comode, ma sostanziose, vivaci, sicure ed efficienti, con un comportamento eccelso, che combina perfettamente ammortizzazione, supporto e risposta, regalando corse piacevoli ed efficaci, su qualsiasi distanza”. Vediamo nei dettagli i motivi del giudizio del nostro esperto di scarpe da running.

Secondo la Hoka, le Clifton Edge (in vendita a 160 €) sono “l’espressione di tutte le nostre innovazioni. Progettate per dare la sensazione di poter correre per sempre, in linea con la nostra mission: continuare ad andare oltre i limiti dell’innovazione delle prestazioni, per creare un’esperienza analoga al volo”.

Suola/Intersuola – Nel paio fornito per la prova, ho misurato un peso di 304 grammi, ed uno spessore complessivo di suola + intersuola di 25 mm sotto i metatarsi e 35 mm sotto al calcagno (sulla taglia 12,5 US), pertanto un differenziale effettivo di 10 mm. Mentre, per la taglia centrale (9 US), l’azienda dichiara un peso di 252 grammi, con 24 – 29 mm di spessore di suola + intersuola.

Le Clifton Edge adottano un’efficace combinazione di suola – intersuola, con lo strato superiore stampato in un nuovo compound (il più soffice e leggero mai usato da Hoka) innestato su un corposo strato inferiore in EVA iniettato (contenente una percentuale di gomma), con maggior portanza. Lungo il perimetro, lo strato inferiore supporta quello superiore, con una serie di elementi avvolgenti, più rigidi, che si protendono verso l’alto. Nell’avanpiede, lo strato inferiore, che ha uno spessore minimo di 5 mm, è traforato in più punti, per mantenere una certa flessibilità. 

Tomaia – L’inedita tomaia è in maglia di TPU termoformata, con aree forate e linguetta in mesh 3D. Una maglia più elastica avvolge morbidamente l’intero colletto, estendendosi posteriormente in un’alta appendice.

All’interno, c’è un sottile sottopiede piatto, in Eva, attaccato sulla soletta montata a Strobel (facilmente sostituibile).

Hoka OneOne Clifton Edge
Il comportamento su strada

Tirando lo spoiler sagomato come un calzascarpe, si calza agevolmente la bella tomaia; la calzata è nella media, il calcagno è ben contenuto e buono è anche l’avvolgimento del mesopiede, mentre il materiale consente una giusta traspirazione.

Si corre con grande leggerezza, in modalità piacevolmente silenziosa, che si fa apprezzare soprattutto sull’asfalto. Qualsiasi impatto viene dolcemente ammortizzato, sia che il contatto avvenga sul tallone, sia che avvenga sull’avanpiede. 

La vistosa forma del tacco, ampio e proteso all’indietro, favorisce un impatto fluido e sicuro, ma il suo aspetto non deve trarre in inganno: infatti, la risposta di queste Clifton Edge è ottima (forse addirittura migliore) anche quando si impatta direttamente sull’avanpiede. 

La pregevole stabilità dell’insieme collabora a un’efficiente transizione, senza affondamenti o sbandamenti. Un valido sostegno anteriore e una vivace risposta elastica dei materiali adottati facilitano la spinta, con un’ottima sensazione, anche quando si aumenta la velocità. 

Inoltre, la suola morbida, con bordi stondati e texture leggera, regala anche un perfetto smorzamento delle componenti orizzontali della forza d’impatto. Così gli atterraggi sono fluidi come non mai, a tutto vantaggio delle articolazioni, evitando sovraccarichi e quindi riducendo di molto l’incidenza di infortuni. 

D’altro canto, è innegabile che questo tipo di suola si consuma più in fretta di altre, ma ciò viene compensato dal suo maggiore spessore, fornendo comunque una buona durata. Inoltre, man mano che si corre, si consuma soprattutto la zona di primo contatto, che quindi, un po’ alla volta, si modella su misura per ogni runner, che pertanto può giovarsi di una scarpa personalizzata.

Grazie anche al peso, notevolmente contenuto, specie in relazione alla valida protezione fornita, si può anche apprezzare una certa riduzione della stanchezza, tanto più percepibile, quanto lunga è la distanza.

In conclusione

Sulla base della mia esperienza, posso dire che queste Hoka OneOne Clifton Edge si sono dimostrate la più bella sorpresa fra le ottime scarpe che ho avuto modo di provare in questo 2020.

Sono scarpe da strada leggere, del massimo livello, tra le migliori oggi disponibili. Sono ultra-comode, ma sostanziose, vivaci, sicure ed efficienti, con un comportamento eccelso, che combina perfettamente ammortizzazione, supporto e risposta, regalando corse piacevoli ed efficaci, su qualsiasi distanza. 

Pertanto ritengo siano consigliabili a runner di ogni peso, con qualunque tipo di appoggio, che potranno beneficiare di confort, protezione e sicurezza, tali da ripagare bene dall’investimento. 

schema Hoka OneOne Clifton Edge
Ai lettori
 

Peso 75 Kg, sono alto 182 cm. E’ possibile che podisti di peso diverso e/o con un diverso stile di corsa, o una taglia diversa, percepiscano sensazioni differenti. L’adattamento indicato, relativamente a morfologia, biomeccanica e uso (essendo soggettivo) è il mio, personale, che probabilmente risulterà diverso per altri. Le scarpe per questo test sono state fornite gratuitamente da Artcrafts Intl., ma non esistono vincoli tali da condizionare l’indipendenza dei pareri forniti.

La scheda

nome: HOKA ONE ONE CLIFTON EDGE
categoria: running protettive ammortizzate
misure: US da 7 a 15
peso: g 252
prezzo: 160 euro 

Tomaia in mesh ingegnerizzato a struttura aperta e a trama differenziata con collarino imbottito e cucitura in TPU in bassorilievo sull’avampiede.
Intersuola in EVA e mescola di gomma con geometria Meta-Rocker e stabilizzatore al mesopiede. Differenziale 5 mm (24/29).
Suola con inserti in gomma nei punti di maggior usura e con tallone esteso. 

Note del produttore, categoria Hoka OneOne: Glide Neutral. 

News Allenamento Equipment Salute Correre