fbpx

Politica Sportiva: nasce l’Aims Women’s Commission

08 Marzo, 2019
Foto: Giancarlo Colombo

Nella giornata della festa della Donna, l’Associazione internazionale delle maratone e corse su strada (AIMS) annuncia la creazione dell’Aims Women’s Commission e lo definisce “un movimento mondiale della corsa per le donne, che ha lo scopo di aumentare la partecipazione femminile nelle corse di lunga distanza in tutto il mondo, contribuendo all’emancipazione delle donne attraverso lo sport della corsa”. 

La Commissione lanciata dalla vice presidente dell’Aims, Martha Morales, e dal presidente stesso, Paco Borao, è stata ideata durante il congresso mondiale dell’associazione mondiale delle maratone e delle corse su strada, a Tallin, nel settembre scorso. 

Donne, sicurezza e ambiente

Le commissioni istituite in quell’occasione sono state tre: “donne”, “sicurezza” e “ambiente”. 

In quella sede, l’Aims ha riconosciuto che attualmente non esistono movimenti globali relativi alla corsa al femminile. Nonostante la partecipazione delle runner sia in crescita continua nella maggior parte del mondo, negli Stati Uniti in particolare, esistono ancora zone nel mondo in cui le donne che vogliono correre incontrano molte difficoltà. 

In una nota dell’Aims si precisa che la Women’s Commission è stata creata a sostegno dell’obiettivo n° 5 dell’Agenda ONU 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, ossia: “Raggiungere l’uguaglianza tra i generi ed emancipare tutte le donne e le ragazze.” 

Gli obiettivi della commissione

L’ Aims Women’s Commission è stata fondata con i seguenti obiettivi: 

• offrire alle donne la più grande piattaforma sul benessere attraverso lo sport della corsa; 

• emancipare le donne attraverso lo sport della corsa; 

• aumentare la partecipazione delle donne negli eventi di corsa nel mondo; 

• creare il più grande movimento femminile della corsa; 

• essere la fonte primaria di informazione per le donne sulla corsa; 

• unire le runner di tutto il mondo; 

• creare e realizzare progetti sociali sulle donne.

La Commissione sarà guidata dalla vice presidente dell’Aims, Martha Morales.