Atletica: “Scarpette in fuga”, prosegue il fenomeno dei talenti italiani adottati dalle università USA 

(Foto: 123rf )
Di: La redazione

La fuga dei cervelli è argomento di attualità. Più di due anni fa (Correre marzo 2015), descrivemmo per la prima volta la parallela realtà dei giovani talenti del mezzofondo, e più in generale dell’atletica, cui le università USA propongono borse di studio per allenarsi, gareggiare e studiare.

Due anni dopo

Come sono finite le avventure di quei 13 ragazzi? A distanza di poco più di due anni, Francesca Grana ha aggiornato quel suo dossier. Su Correre di maggio 2017 (ora in edicola), l’autrice fa il punto della situazione: i giovani che stanno provando questa esperienza sono diventati 38. Nelle dieci pagine del servizio emerge un quadro articolato, fatto di luci, ma anche di ombre.

Meglio dei militari

Gli atenei americani sono un’alternativa ai gruppi sportivi militari, dalle selezioni ristrette. Spesso basta un infortunio per essere dimenticati. Spesso, una volta arruolati, subentra un senso di appagamento che inibisce la crescita dell’atleta. I college offrono una laurea che sa già di futuro meno incerto e forniscono preparazione e mentalità giusta per diventare un vero professionista: allenarsi come professionisti, in strutture all’avanguardia e con allenatori quotati.

Controindicazioni

Tra le “scarpette in fuga” intervistate, c’è però anche chi mette in evidenza limiti ed eccessi di quell’organizzazione: distanze di gara imposte per coprire necessità di squadra, ossessione per gli allenamenti di qualità a discapito del recupero, stagione agonistica lunghissima, difficoltà di ambientamento (in alcuni casi si dorme con non-atleti, che hanno ritmi di vita più… gaudenti!), carenza di compagni di allenamento.

Il nostro servizio su Correre di maggio è completato dalla descrizione di come è organizzato lo sport universitario statunitense e dalle istruzioni per l’uso su come candidarsi. Spazio è dedicato anche alle statistiche sugli stranieri immatricolati nei college e nelle università USA (1.043.839 nell’anno accademico 2015/2016) e all’impatto positivo sull’economia a stelle e strisce.

Articoli Correlati

Sifan Hassan
Mezza maratona di Copenaghen: Hassan batte il record europeo
Mo Farah vince per la quinta volta la Great North Run
Nijel Amos
Amos, Rengeruk e Manangoi in luce al Memorial Hanzekovic di Zagabria
Renelle Lamote
Palio della Quercia: rivincita di Lamote su Pryschchepa. Tamberi terzo, Crippa sesto
Elena Vallortigara
IAAF Diamond League a Londra: Vallortigara vola a 2.02m, super mezzofondo con Korir e Hassan
Beatrice Chepkoech
IAAF Diamond League: Beatrice Chepkoech polverizza il record mondiale sui 3000 siepi a Montecarlo