fbpx

Top runner: allenamenti massacranti subito dopo la gara

26 Settembre, 2019
Foto: Giancarlo Colombo
Si chiama “Doppia seduta di qualità” e può consistere nell’effettuare due allenamenti di elevato impegno nello stesso giorno, ma anche un allenamento impegnativo subito dopo (o poco prima di) una gara “tirata”. Giorgio Rondelli analizza alcuni esempi clamorosi e spiega a cosa possono servire.

Nei mezzi di allenamento per le gare di fondo e mezzofondo nessuno inventa più nulla da diversi decenni. I concetti di fondo lento, medio e veloce, le tre grandi andature della corsa uniforme, sono stabili da sempre, così come l’impostazione delle ripetute, delle sedute lattacide, del fartlek o dell’intervall training. Anche per il potenziamento muscolare le opzioni sono in genere le solite: dall’utilizzo delle salite, alle sedute in palestra con eventuale uso dei pesi, fino ai vari circuiti di forza e resistenza. 

Sono piuttosto in continua evoluzione gli assemblaggi di tali mezzi, come si vede osservando come gli allenamenti di alcuni campioni che vanno per la maggiore. 

La seduta post gara

Hanno destato, ad esempio, una certa curiosità alcuni metodi dei fratelli norvegesi Henrik, Filip e Jakob Ingebrigtsen che, subito dopo aver corso una gara sui 1.500 m ad altissimo livello al meeting di Losanna dello scorso luglio, hanno svolto 10 ripetute sull’anomala distanza dei 350 m, in 1’, recuperando poi solo i pochi secondi indispensabili per percorrere i 50 m necessari a completare ogni giro di pista, prima di effettuare la prova successiva. 

Il metodo Salazar

Qualcosa di molto più intenso lo abbiamo visto visionando un filmato riguardante il gruppo guidato dal discusso Alberto Salazar, già coach di Mo Farah e Galen Rupp e oggi anche di Sifan Hassan e Konstanze Klosterhalfen. 

Nel video si vedono Rupp e Mary Cain che, dopo due competizioni indoor ˗ il primo sulle 2 miglia, la seconda sui 1.000 m ˗, raggiungono in fretta e furia un altro impianto al coperto per effettuare i due allenamenti che seguono. Galen Rupp: 4 volte 1 miglio correndo l’ultima prova in 4’03”, con un passaggio ai 1.500 m in circa 3’46”. Mary Cain: 1×5.000 m poco sopra i 17’, quindi alcune prove veloci sui 400 m, con l’ultima sotto i 60”. 

Esagerato? Forse sì, ma è comunque tutto da dimostrare. 

Pre start

Non ci sono però solo le sedute post gara nell’atletica moderna. Sempre gli Ingebrigtsen, stavolta solo Henrik e Jakob, sono stati visti effettuare una decina di ripetute sui 300 m a ritmi medio elevati come forma di riscaldamento prima di una gara. Quel che stupisce è che la gara in questione fosse la finale dei 5.000 m agli Europei di Berlino dell’anno scorso, che i fratelli norvegesi chiusero al primo e al secondo posto. 

A casa nostra, la mattina di una recente corsa su strada (la Strafferandina di oltre 10 km, che poi vinse correndo a circa 3’21”/km), Sara Dossena affrontò 20 km a poco più di 4’/km. Nel corso dell’intera giornata mise insieme quasi 40 km fra corsa mattutina, riscaldamento, gara e successivo defaticamento.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Oltre i soliti schemi”, di Giorgio Rondelli, pubblicato su Correre n. 420, ottobre 2019 (in edicola a inizio mese), alle pagine 36-40.

Correre Ottobre 2019

Panorama – Eliud Kipchoge ci riprova: il campione keniota, già detentore del record del mondo di maratona, tenterà di nuovo di chiudere la distanza regina in meno di 2 ore. Tutti i dettagli in una chiacchierata col manager dell’atleta, Valentijn Trow. (Andrea Schiavon) Allenamento – Come incrementare il chilometraggio dal periodo di costruzione al periodo […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Europei Master: 127 medaglie d’oro per gli azzurri

26 Settembre, 2019

La squadra italiana è stata all’altezza della sfida continentale casalinga, segnando il record di vittorie agli Europei e collezionando un totale di 337 medaglie. Significativa anche la prova dell’organizzazione, alle prese con la cifra record di 4.496 partecipanti per un totale di 12.293 atleti-gara. La 21ª edizione dei Campionati europei Master “Stadia” (pista) verrà ricordata […]

Maratona – Le FAQ sull’ultimo periodo della preparazione

26 Settembre, 2019

Su Correre di ottobre si trova la seconda puntata del nostro approfondimento sulla preparazione alla maratona: domande e risposte a proposito dei dubbi più frequenti. Un dossier volto a chiarire tutti i più diffusi dubbi di chi ha in programma una prova sulla distanza regina. Qui Lorenzo Falco affronta l’ultimo periodo di avvicinamento alla gara. […]

Correre in gravidanza 

26 Settembre, 2019

Fare sport durante la dolce attesa: una scelta personale sempre più diffusa, raccontata su Correre di ottobre dalla diretta esperienza di donne-runner. Sono ormai molte le donne che decidono di continuare a fare sport mentre aspettano un bambino. In assenza di problemi fisici e se svolto in maniera adeguata, è dimostrato che il movimento porti […]

Il diabete del runner

26 Settembre, 2019

L’attività fisica regolare è il più potente farmaco antidiabete oggi conosciuto. È però anche indispensabile sapere come affrontare nel modo corretto il momento dell’allenamento e della gara, onde evitare pericoli.  Nel 2016 oltre 3 milioni e 200.000 persone, in Italia, risultavano essere affette da diabete: il 5,3% della popolazione, che diventa un drammatico 16,5% fra […]

Prevenire l’usura delle ginocchia

26 Settembre, 2019

Chi ama la corsa sa quanto può essere difficile farne a meno. Ecco perché è importante conoscere bene i mezzi per cercare di conservare al meglio queste articolazioni. Le ginocchia sono un’articolazione ad alto rischio di usura precoce in chi corre, perché quanto sopportato in semi-flessione costituisce un elemento di sovraccarico da un punto di […]

Top runner: così distanti, ma così simili a noi 

26 Settembre, 2019

Parlare delle sfide che i più bravi affrontano, entrare nel merito e nel dettaglio dei loro allenamenti e delle relative scelte nutrizionali e di materiale, si risolve il più delle volte nel ricavare informazioni utili per tutti noi, se ben declinate da una guida esperta. Mi piace questa foto di Eliud Kipchoge. Se leggerete Correre […]