fbpx

Skyrunning: il record di Magnini sull’Ortles

08 Novembre, 2020
Foto: Giacomo Meneghello
Tutti i dettagli di uno degli eventi di running off-road più importanti del 2020, l’impresa del giovane Davide Magnini, che lo scorso 10 luglio aveva raggiunto la cima più alta del Trentino-Alto Adige in 2:18’15”.

“Il futuro è dalla sua parte: quando Davide Magnini, portacolori del Centro Sportivo Esercito e atleta del team Salomon, ha migliorato il record di salita-discesa dall’Ortles di Marco De Gasperi (2:36’50”) aveva 23 anni, contro i 38 di De Gasperi nel 2015.”

Come si progetta un’ascensione di corsa

Da qui parte l’intervista del nostro esperto di trail running Fulvio Massa a Davide Magnini, che racconta:

«Non c’è mai stato un vero e proprio progetto al riguardo, perché è nato tutto da una battuta di Marco fatta durante una serata subito dopo il lockdown. Sul momento non ci ho dato troppo peso, poi mi è rimasto il pallino, anche perché si tratta di una montagna maestosa, bellissima, che mi ha sempre affascinato fin dalla prima volta che l’ho scalata assieme a mio papà. La prima volta ho provato in allenamento, ma le condizioni non erano buonissime ed ero lontano dal primato di Marco già in salita. Ho subito capito che se desideravo quel record avrei dovuto mettere il percorso in sicurezza e studiarlo bene».

Un percorso tecnico e insidioso

«In montagna si parla di fastest know time (FKT) perché parlare di primati assoluti è difficile, in quanto le condizioni cambiano molto anche in breve tempo e ti trovi su un percorso che non è mai lo stesso. Ognuno sceglie le traiettorie più congeniali rispetto alle condizioni di quel momento» spiega Magnini, che si addentra poi nei dettagli del percorso, definito “tecnico e insidioso”, e nel racconto dell’assistenza fornitagli lungo il percorso stesso. 

Magnini e Massa passano poi ad analizzare le principali difficoltà affrontate e, in chiusura di articolo, gli aspetti motivazionali di imprese come questa: «Ci è mancato gareggiare e confrontarci con altri specialisti di livello internazionale. Da alpino e da sportivo professionista appassionato della verticalità, il fatto di provare questi record sulle montagne mi ha dato tanta energia. In più questi progetti solitari danno una soddisfazione personale ancora più forte rispetto al vincere una gara, perché sei coinvolto direttamente nell’organizzazione, nello studio e nella pianificazione.»

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “L’Ortles conquistato”, di Fulvio Massa, pubblicato su Correre n. 433, novembre 2020 (in edicola da inizio mese), alle pagine 43-51, servizio integrato dall’intervista a Marco De Gasperi e dai consigli di Giorgio Garello su come affrontare (in parte) anche da non professionisti i sentieri molto tecnici dell’Ortles.

Correre Novembre 2020

Questo mese parliamo di…: Panorama – A Valencia, lo scorso 7 ottobre, Joshua Cheptegei ha superato Bekele (27’17”53) stabilendo il record del mondo dei 10.000 m in 26’11”. Con Correre il fenomeno ugandese avevamo iniziato a conoscerlo già nel 2014, quando a Eugene si aggiudicò proprio i 10.000 m ai Mondiali Juniores. Riviviamo le emozioni […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Emozione batte distanziamento

31 Ottobre, 2020

La pandemia ha fatto germogliare un sentimento nuovo: il legame fra organizzatori e podisti accomunati da passione e senso di responsabilità Ho dovuto e voluto dedicare il mio editoriale di Correre di novembre al cambio di proprietà della nostra casa editrice. Non potevo fare altrimenti, visto il rapporto di fiducia che si è consolidato con […]

Editoriale Sport Italia: cambia la proprietà della casa editrice di Correre 

29 Ottobre, 2020

Un avvicendamento che è intervenuto in continuità con l’attività svolta fin dalla fondazione dell’azienda, avvenuta nel 1981. In occasione dell’annuale assemblea di bilancio, i due fondatori hanno ceduto le proprie quote societarie a un insieme di professionisti formato da quattro responsabili di settore già attivi nella casa editrice stessa e tre specialisti del mondo digitale. […]

Allenamento – Tutto sui test

Sedute specifiche con lo scopo di indagare la propria condizione di forma, i progressi e l’andamento del programma di preparazione. Eccone alcuni esempi, pensati per differenti distanze. Quando ci si avvicina a un impegno agonistico preciso oppure a un gruppo di competizioni ravvicinate, come si può stabilire se la propria progressione è valida o se […]

Running e inclusione: ecco la prima atleta trans a partecipare a un campionato italiano di corsa nella categoria del proprio genere percepito

29 Ottobre, 2020

Sempre più inclusivo il mondo dell’atletica: lei è Valentina Petrillo, prima atleta trans a partecipare – e a vincere – un campionato italiano nella categoria del proprio genere percepito. «Serve più cultura, non solo sportiva», ci racconta. Ci sono conquiste che valgono più di una vittoria. Essere annunciate per nome di battesimo e non più […]

Allenamenti per mantenersi a un buon livello

È il momento di incrementare il chilometraggio con sedute di corsa lenta e di pianificare con cura la preparazione invernale, per migliorare la resistenza di base. Con i consigli di Orlando Pizzolato. “Parlare ora di programmazione dell’allenamento fa un certo effetto, considerando che per molti mesi non c’è stata la possibilità di gareggiare e che […]