fbpx

Scarpe da trail running: guida all’acquisto 

25 Ottobre, 2020
Foto: 123rf 
Quale calzatura ci conviene comprare per la corsa off-road? Tante le esigenze da soddisfare, molte delle quali collegate alle caratteristiche del corridore e dall’uso che se ne intende fare. Ecco la nostra guida, completata da schede e immagini di 19 modelli top di gamma della collezione autunno- inverno 2020-21. 

Quale scarpa ci conviene comprare per la corsa off-road? Sono tante le esigenze che una calzatura da trail running deve soddisfare e molte dipendono dalle caratteristiche del corridore e dall’uso che se ne intende fare. 

Conoscere per scegliere bene 

L’ideale sarebbe farsi consigliare da un esperto, così da personalizzare la scelta sulla base delle caratteristiche antropometriche, della conformazione del piede, del tipo di appoggio, dell’utilizzo prevalente e del tipo di corsa che si andrà a effettuare, perché se si è capaci di una corsa leggera che spinge sull’avampiede si potrà scegliere un modello diverso da chi si esprime con una corsa lenta e pesante. “Le caratteristiche di una scarpa, insomma, sono tante e la variazione di questi parametri incide in modo significativo la scelta del modello”, premette Fulvio Massa, nostro coach di riferimento del mondo trail running, che su Correre di novembre redige una vera e propria “guida all’acquisto” per chi vuole correre in natura. 

Vediamole allora in sintesi, queste “tante caratteristiche” da tenere presente quando andremo a comprare la nostra scarpa da trail running: stabilità, ammortizzazione, differenziale, superficie di appoggio, flessibilità, leggerezza, portanza. 

Linee guida

Considerazione di fondo: il terreno di gara e allenamento è irregolare per cui viene a mancare una costante tipica della pista o della corsa su asfalto, cioè la regolarità del piano d’appoggio.

“Il trail running, di conseguenza, non presenta una casistica di patologie microtraumatiche articolari e tendinee superiore alla corsa su strada in rapporto alle lunghe distanze percorse”, spiega Massa.

“La scarpa da trail in genere ha una buona struttura sia come suola sia come tomaia per cui, a differenza della corsa su asfalto, non si pone l’esigenza di utilizzare modelli specifici per l’antipronazione a meno di una reale necessità. Inoltre l’irregolarità del fondo porta un continuo succedersi della condizione di contatto per cui il piede si trova ad alternare appoggi in pronazione o in supinazione. Utilizzare una scarpa con supporti antipronazione a uso improprio o fare uso di ortesi plantari particolarmente strutturate e spesse può portare il piede a ribaltarsi dalla parte opposta e quindi favorire l’insorgenza della distorsione tibio-tarsica in inversione.”

Rispetto ai modelli destinati alla corsa su strada aumentano i requisiti di cui deve disporre la tomaia, che in base al tipo di percorso deve avere la capacità di evacuare l’acqua sia quando si mette il piede in una pozza o in un torrente sia in presenza di erba umida. Una buona traspirazione è fondamentale anche per gare di 8-10 ore e oltre, dove il ristagno di umidità può provocare vesciche” precisa Fulvio Massa.

La misura a volte può richiedere mezzo numero in più per evitare i microtraumi alle unghie nelle ripide o lunghe discese.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Conoscere per scegliere bene” che si compone di un’approfondita guida all’acquisto delle scarpe da trail running e propone schede tecniche e immagini di 19 modelli top di gamma delle collezioni autunno-inverno 2020-21. Il tutto è pubblicato su Correre n. 432, ottobre 2020 (in edicola da inizio mese), alle pagine 78-87.

Correre Ottobre 2020

Questo mese parliamo di… Attualità – La notizia di apertura del numero è che l’11 settembre, ai Campionati italiani Fispes (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali) di Jesolo (VE), Valentina Petrillo è diventata la prima atleta italiana transgender a gareggiare in un campionato nazionale nel proprio genere di elezione. (Francesca Grana) Allenamento – Se alla […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Dita del piede “a martello”: i rischi di infortunio per il runner 

Il dito “a martello” dipende da un abbassamento della testa metatarsale corrispondente, che porta a uno scompenso tra tendini flessori ed estensori delle dita, con una prevalenza di questi ultimi. Ecco come questa piccola deformazione si ripercuote nella corsa, che conseguenze produce e a quali trattamenti sanitari è necessario ricorrere. Nel corso degli anni può […]

Allenamento: come migliorare la soglia anaerobica

Si tratta di quella velocità di corsa che, una volta raggiunta, fa aumentare nei muscoli la produzione di un composto tossico, l’acido lattico, che può essere tollerato per poco tempo. A quel punto l’efficienza fisica inizia a deteriorarsi. La sfida è tutta qui: quel limite può essere migliorato con i consigli e le tabelle di […]

Trail running: i segreti per correre bene in discesa

Serve a migliorare il risultato, ma soprattutto a non farsi male. Occorrono allenamenti specifici, tecnica biomeccanica e consapevolezza di tutto ciò che entra in azione nel nostro corpo in questa fase di corsa, dai distretti muscolari al ruolo del cervello, dall’equipaggiamento all’alimentazione. “È raro vincere un trail per il distacco inflitto in salita, ma è […]

Donne e corsa, il concetto di “oltre”

Nella consueta rubrica di Maria Comotti e Julia Jones, parliamo di limiti. Quelli da superare per raggiungere i nostri obiettivi e che si ripresenteranno più consistenti alla prossima sfida, per via dell’umana tendenza ad “alzare l’asticella”. Ogni donna ha le proprie barriere e ostacoli personali, così come i propri obiettivi. Una volta che questi ultimi […]

La forza della passione di tutti

08 Ottobre, 2020

Veniamo da un settembre che ci ha restituito la possibilità di incontrarci sulle linee di partenza e di salutarci imparando a leggere negli occhi quel sorriso che la mascherina non ci fa vedere. Voglio rivolgere il mio “grazie” personale per questo a tutti gli appassionati e quando scrivo “appassionati” penso a chi corre, ma anche […]