fbpx

Running e inclusione: ecco la prima atleta trans a partecipare a un campionato italiano di corsa nella categoria del proprio genere percepito

29 Ottobre, 2020
Foto: 123rf
Sempre più inclusivo il mondo dell’atletica: lei è Valentina Petrillo, prima atleta trans a partecipare – e a vincere – un campionato italiano nella categoria del proprio genere percepito. «Serve più cultura, non solo sportiva», ci racconta.

Ci sono conquiste che valgono più di una vittoria. Essere annunciate per nome di battesimo e non più solo per cognome dallo speaker al pari delle avversarie. Banalità? Non per tutti. 

I più rapidi nella gara dell’inclusione di atleti e atlete transgender sono stati: il Comitato olimpico internazionale nel 2015 e la World Para Athletics nel 2018, dopo anni di ricerche di un pool di esperti capitanato dalla canadese Joanna Harper. 

La prima volta di una trans nell’atletica italiana

“A fine 2019, poi, la Fispes recepisce il regolamento pubblicato dalla World Athletics nell’ottobre dello stesso anno, che fissa il parametro dell’eleggibilità per atleti trans MtF (male to female, da uomo a donna) in 12 mesi continuativi con una concentrazione certificata di testosterone inferiore a 5 nmol/L (nanomoli per litro, ndr),” ripercorre l’autrice dell’articolo, Francesca Grana.

“Ogni federazione sportiva ha sinora agito con criteri differenti: dal rugby, che sta valutando di impedire alle atlete trans di partecipare ai campionati femminili, al ciclismo, che ha invece già assegnato il primo titolo iridato della storia all’atleta “T” canadese Rachel McKinnon.” 

Gli effetti della terapia ormonale

«A livello di prestazione, gli effetti collaterali della terapia ormonale sono incontrovertibili: otto decimi persi nei 100 m, oltre un secondo e mezzo nei 200 m, dodici secondi nei 400 m, per non parlare della contrazione della massa muscolare» spiega Petrillo.

«L’insinuazione che mi pesa di più è che io abbia intrapreso questo percorso per vincere più facilmente, ma ricordo solo che di titoli italiani Fispes ne avevo già collezionati 11. L’unica volta in cui ho davvero fatto festa coi miei nuovi compagni di squadra, però, è stata quando la Fispes ha ufficializzato che avrei potuto gareggiare come “Valentina”. Non si tratta di coraggio, ma di necessità» prosegue la velocista, nel frattempo costretta a cambiare società per sentirsi meglio accolta.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Solo cognome”, di Francesca Grana, pubblicato su Correre n. 433, novembre 2020 (in edicola da inizio mese), alle pagine 16-18.

Correre Novembre 2020

Questo mese parliamo di…: Panorama – A Valencia, lo scorso 7 ottobre, Joshua Cheptegei ha superato Bekele (27’17”53) stabilendo il record del mondo dei 10.000 m in 26’11”. Con Correre il fenomeno ugandese avevamo iniziato a conoscerlo già nel 2014, quando a Eugene si aggiudicò proprio i 10.000 m ai Mondiali Juniores. Riviviamo le emozioni […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Skyrunning: il record di Magnini sull’Ortles

08 Novembre, 2020

Tutti i dettagli di uno degli eventi di running off-road più importanti del 2020, l’impresa del giovane Davide Magnini, che lo scorso 10 luglio aveva raggiunto la cima più alta del Trentino-Alto Adige in 2:18’15”. “Il futuro è dalla sua parte: quando Davide Magnini, portacolori del Centro Sportivo Esercito e atleta del team Salomon, ha […]

Emozione batte distanziamento

31 Ottobre, 2020

La pandemia ha fatto germogliare un sentimento nuovo: il legame fra organizzatori e podisti accomunati da passione e senso di responsabilità Ho dovuto e voluto dedicare il mio editoriale di Correre di novembre al cambio di proprietà della nostra casa editrice. Non potevo fare altrimenti, visto il rapporto di fiducia che si è consolidato con […]

Editoriale Sport Italia: cambia la proprietà della casa editrice di Correre 

29 Ottobre, 2020

Un avvicendamento che è intervenuto in continuità con l’attività svolta fin dalla fondazione dell’azienda, avvenuta nel 1981. In occasione dell’annuale assemblea di bilancio, i due fondatori hanno ceduto le proprie quote societarie a un insieme di professionisti formato da quattro responsabili di settore già attivi nella casa editrice stessa e tre specialisti del mondo digitale. […]

Allenamento – Tutto sui test

Sedute specifiche con lo scopo di indagare la propria condizione di forma, i progressi e l’andamento del programma di preparazione. Eccone alcuni esempi, pensati per differenti distanze. Quando ci si avvicina a un impegno agonistico preciso oppure a un gruppo di competizioni ravvicinate, come si può stabilire se la propria progressione è valida o se […]

Allenamenti per mantenersi a un buon livello

È il momento di incrementare il chilometraggio con sedute di corsa lenta e di pianificare con cura la preparazione invernale, per migliorare la resistenza di base. Con i consigli di Orlando Pizzolato. “Parlare ora di programmazione dell’allenamento fa un certo effetto, considerando che per molti mesi non c’è stata la possibilità di gareggiare e che […]