fbpx

Ripresa a tappe: la guida di Pizzolato per il recupero della condizione fisica

03 Maggio, 2020
Foto: 123rf
Dopo un lungo periodo di stop forzato o di attività in casa, il ritorno in forma lo possiamo paragonare a una scala da salire, che possiamo scegliere di affrontare a tre gradini alla volta, oppure due o uno soltanto. Ecco il metodo proposto da Orlando Pizzolato.

Come avete affrontato il lungo periodo di quarantena?  Si è potuto fare ben poco, se non addirittura nulla. In apertura di articolo, Orlando Pizzolato illustra il suo approccio tecnico in merito al recupero della forma fisica orientata all’aspetto prestazionale: “Sarà necessario procedere per gradi, come avviene appunto quando si sale una scala. Si può andare avanti un gradino alla volta, o farne un paio e, perché no, salirne anche 3 insieme per arrivare in cima in fretta”. Vediamo i singoli casi.

Tre gradini alla volta: solo sedute ad alta intensità

In questo caso ci si concentra essenzialmente su sedute ad alta intensità, vicine e superiori alla soglia anaerobica, prediligendo quindi allenamenti intervallati. 

Si possono affrontare anche più sessioni simili in giorni ravvicinati per rinsaldare gli effetti allenanti, quindi anche due sedute di intervall training invece di una di intervall training e una di ripetute brevi. 

A Due a due: per incrementare anche la soglia aerobica 

In questa programmazione settimanale sono presenti una seduta di intervall training, come riportato per il piano precedente e una di ripetute medie perché, oltre a ricercare un’alta risposta fisica specifica, si agisce anche per incrementare la velocità della soglia anaerobica. Con questi allenamenti si agisce a livello periferico (sui muscoli), con le sedute domenicali di lungo lento si stimolano essenzialmente gli adattamenti centrali (cuore, respirazione, circolazione) e in parte anche periferici (capillarizzazione).

Meglio uno alla volta: si riparte dalla base

Il modo più corretto di pianificare la preparazione è però un gradino alla volta, sia perché si parte dagli elementi fisiologici e tecnici basilari, sia perché la condizione di forma sarà più completa e stabile. L’aspetto sfavorevole riguarda i tempi più lunghi di ottimizzazione dell’efficienza fisica; per questo si tratta di un metodo indicato per i podisti che hanno in programma di essere in piena forma a fine estate.

Su Correre di maggio trovate l’articolo completo, comprensivo di tabelle di allenamento che vi potranno guidare durante la fase di ripartenza.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Ripresa a tappe”, di Orlando Pizzolato, pubblicato su Correre n. 427, maggio 2020 (in edicola a inizio mese), alle pagine 18-20.

Correre Maggio 2020

Questo mese parliamo di… Allenamento – Ripartire a tappe: dopo un lungo periodo di stop o di sola attività in casa, i consigli di Orlando Pizzolato per ricominciare a correre all’aperto e recuperare la forma persa. Programmazione – Con ambizione, ma senza fretta: ecco come tornare pronti per una 10 km o una mezza maratona. […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Maratona: quel record italiano prima che il mondo si fermasse

15 Maggio, 2020

Il 23 febbraio, a Siviglia, ha fermato il tempo di gara tre secondi prima del vecchio record italiano (il 2:07’22” dì Stefano Baldini, Londra, 23 aprile 2006). Subito dopo, però, l’epidemia di coronavirus ha fermato il nostro, di tempo. Così non c’è stato modo di festeggiare come meritava Eyob Ghebrehiwet Faniel. Della crescita tecnica del […]

Correre al femminile: la forza di guardare avanti

08 Maggio, 2020

È questo il termine che fa da filo conduttore alle consuete sei pagine dedicate alle donne. Esprimere la volontà di darci una scossa durante questa lunga quarantena, una spinta per continuare, nonostante tutto, a guardare con fiducia al futuro. Dal punto di vista sia fisico sia psicologico.   Questi mesi anomali hanno messo alla prova […]

Psicologia: quella naturale resilienza di fronte al Covid-19

07 Maggio, 2020

L’impatto emotivo e psicologico dell’isolamento sociale stimola i runner a ritrovare una capacità che è innata nell’uomo, che è stato progettato per resistere allo stress. Parola del nostro psico-coach, Pietro Trabucchi. “L’essere umano è un progetto migliore di quello che si pensa. La resilienza ce lo dimostra.” Apre così il suo articolo Pietro Trabucchi, il […]

Corse che saltano: che fine fanno le iscrizioni in caso di annullamento? 

28 Aprile, 2020

Si dà per scontato che, in caso di rinvio o cancellazione della gara, al partecipante sarà consentito ottenere il rimborso totale o parziale del costo di adesione o di potersi considerate già iscritto per l’anno successivo. Non è così. Bisogna sempre leggere bene il regolamento della manifestazione.  Dal mese di marzo, a causa della diffusione […]

Corsa su treadmill e su strada: ecco le differenze

28 Aprile, 2020

Entrato in molte case durante la quarantena, il tapis roulant si candida a diventare più di prima compagno di allenamenti di molti runner. Uno studio di biomeccanica ci permette di analizzare le principali differenze (e relativi effetti) tra la corsa su treadmill e quella su strada.   Con l’aiuto della biomeccanica e di Mauro Testa, […]

Voci dal verbo ripartire

28 Aprile, 2020

Questo numero di maggio raggiunge i lettori giusto in tempo per essere al loro fianco mentre ricominciano a correre fuori casa, ognuno partendo da un diverso dove, fisico o mentale: chi è rimasto fermo, chi ha fatto attività in casa, chi tra le proprie mura ha potuto correre su un tapis roulant.  Siamo noi i […]