fbpx

Per correre più forte bisogna conoscere come funziona il recupero 

29 Ottobre, 2019
Foto: 123Rf
Orlando Pizzolato indaga sui vantaggi del giusto recupero dimostrando come possano incidere sul nostro livello di preparazione almeno tanto quanto l’intensità della corsa. “Un momento di specifica efficacia”, lo definisce il nostro direttore.

“Il principio è semplice: le cellule si ricaricano di energia, che sono poi pronte a usare in forma più specializzata. Accade in natura e lo stesso meccanismo regola il corpo umano.”

Orlando Pizzolato dedica il suo articolo tecnico di Correre di novembre all’importanza delle forme di riposo per la qualità della prestazione e tratta sia del riposo inteso come recupero tra una seduta e l’altra, sia di quello all’interno della stessa seduta (tra le ripetute, ad esempio), sia dei periodi di rigenerazione da inserire senza timore dopo gare importanti.

“L’allenamento intervallato – scrive Pizzolato come primo esempio – è stato ideato con l’obiettivo di aumentare la sollecitazione del corpo e di determinare quindi livelli più alti di adattamento fisico. Nella struttura di tale metodo hanno una rilevanza particolare non solo l’intensità dello sforzo ma anche il recupero, che, se adeguamento gestito, determina precisi effetti fisiologici. Il recupero va inteso quindi come un momento di specifica efficacia, tanto che proprio grazie alle pause si può arrivare a carichi di allenamento molto elevati e densi. Proiettando questo aspetto (il recupero) in un contesto temporale più esteso, quello della programmazione dei cicli di allenamento, la pausa rigenerante che un atleta dovrebbe inserire nel corso della preparazione ha effetti rilevanti sulla qualità del rendimento, sul mantenimento del periodo di piena efficienza e anche sulla durata della carriera.”

Il direttore tenta poi la difficile impresa di convincere il lettore del fatto che recupero, rigenerazione e riposo non siano mai una perdita di tempo e lo fa portando gli esempi dettagliati dell’ampio spazio dedicato alla rigenerazione da Eliud Kipchige e Bernard Lagat.

Il testo è poi completato dai consigli pratici su come vanno inseriti i periodi di rigenerazione e come definire i tempi di recupero durante una seduta e tra gli allenamenti.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Prendiamoci delle pause”, di Orlando Pizzolato, pubblicato su Correre n. 421, novembre 2019 (in edicola a inizio mese), a pagina 32.

Correre Novembre 2019

Questo mese parliamo di… Panorama – “Io credo in te” è il titolo della borsa di studio che Orlando Pizzolato mette a disposizione dei futuri mezzofondisti. Correre è media partner di questa iniziativa di cui su questo numero viene pubblicato il bando. Candidature entro il 30 novembre. Reportage – Il Tor des Geants quest’anno ha […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Donne-runner – Amicizie nate correndo

31 Ottobre, 2019

Hashtag #BRF, Best Running Friends: ovvero, come la passione per la corsa porta a creare relazioni tutte nuove e speciali, con quella sfumatura e quello spirito di condivisione in più che spesso le differenziano dalle altre. Nello spazio dedicato al running al femminile del numero di novembre si parla di amicizia. E in particolare di […]

Scienza: siamo davvero nati per correre 

29 Ottobre, 2019

Nel quindicesimo anniversario dalla sua pubblicazione, vediamo quanto ha inciso l’importante ricerca Born to run: endurance running and the evolution of homo di Dennis Bramble e Daniel Lieberman sulle conoscenze che riguardano l’alimentazione e la salute umana, oltre che sulle possibilità di comprendere le dinamiche dei nostri comportamenti quotidiani “Quando l’uomo ha iniziato a trasformarsi […]

Proteine a colazione 

29 Ottobre, 2019

Queste sostanze sono fondamentali, soprattutto per gli sportivi, come stimolo delle funzioni anaboliche di muscoli, collagene, ossa, articolazioni, cartilagini. E assumerle solo a pranzo e a cena non basta. Un’assunzione proteica troppo scarsa deprime la crescita muscolare e con essa il metabolismo. Se non si mangiano proteine si può anche fare molto sport o passare […]

I muscoli del runner: gli infortuni più frequenti e le relative cause

29 Ottobre, 2019

Una trattazione fondamentale con le cause e le tipologie degli infortuni statisticamente più frequenti nei podisti. L’ha preparata Luca De Ponti ed è pubblicata su Correre di novembre Quand’è che un muscolo subisce una lesione delle sue fibre contrattili? “Quando non dispone di un adeguato nutrimento nella fase anabolica.” “Se lavora male o troppo.” “Se […]

Trail running, come ottenere il nostro miglior tempo possibile

29 Ottobre, 2019

Come si fa a mantenere il nostro massimo ritmo quando il terreno e la pendenza cambiano di continuo? Saggezza, esperienza e conoscenza di sé stessi sono le armi migliori per questo obiettivo, ma a volte non bastano. Un aiuto, di recente, ci è arrivato dalla tecnologia, con la funzione “PacePro” di Garmin Un certo tempo […]

Il viaggio della corsa verso la normalità

29 Ottobre, 2019

Esperienze come il Tor des Geants e ricerche come quella di Bramble e Lieberman hanno aggiunto conoscenza sul valore della corsa. Altrettanto può fare ognuno di noi, nel momento in cui decide di sapere di più. A questo scopo, Correre di novembre propone alcuni approfondimenti Nel servizio che apre il numero di novembre, le immagini […]