fbpx

Mente e corsa: dalle spedizioni polari informazioni importanti per gestire lo stress della fatica

28 Agosto, 2019
Foto: Pietro Trabucchi
Quando accade qualcosa di inatteso (la crisi metabolica, il perdere l’orientamento, l’infortunio, il maltempo), riveste un’importanza fondamentale il non farsi prendere dal panico e cercare di mantenere comunque il controllo emotivo. Occorre allenare la mente a questa eventualità, perché solo così si evita che lo stress ci faccia sentire ancora più stanchi 

La secrezione di ormoni dello stress peggiora la prestazione e innalza i livelli di fatica percepita. Cosa causa, però, lo stress? Tutto ciò che abbassa il senso di controllo, ad esempio 

Allenarsi a mantenere il controllo emotivo

Ecco perché nella preparazione diventa importante anticipare tutti i possibili imprevisti, pensare a strategie di uscita e di emergenza e gestire le aspettative in maniera realistica, evitando di coltivare scenari eccessivamente ottimistici e radiosi. Perché quando accade qualcosa di inatteso (la crisi metabolica, il perdere l’orientamento, l’infortunio, il maltempo) riveste un’importanza fondamentale il non farsi prendere dal panico e cercare di mantenere comunque il controllo emotivo.

L’esperienza nel freddo estremo

Lo psicologo dello sport Pietro Trabucchi, storico collaboratore di Correre, ha affrontato personalmente il tema del senso di controllo quando ha preso parte, nello scorso mese di maggio, alla traversata della Groenlandia nell’ambito del progetto scientifico denominato “Greenland Expedition Lab 2019”.

“La traversata – spiega Trabucchi – pur non essendo particolarmente impegnativa da un punto di vista tecnico, comporta comunque il fatto di vivere in totale autosufficienza per circa un mese (la traversata è durata 27 giorni, ndr) non essendo presente alcun insediamento umano sulla rotta. I pericoli sono rappresentati dalle bufere, dalle temperature spesso molto basse, dai crepacci e… dagli orsi polari in prossimità della costa. La fatica fisica è l’altra grande incognita dell’avventura.”

Saper anticipare gli imprevisti

“In quelle condizioni estreme – prosegue Trabucchi- , la percezione di controllo di quello che sarebbe accaduto nell’immediato futuro si è rivelata uno dei fattori più efficaci nel mediare il vissuto di fatica e di stress. Si è visto, infatti, che quando un evento esterno (malattia, maltempo, litigio) ha abbassato il senso di controllo sull’esito della spedizione, i componenti colpiti da quella sensazione si sono sentiti più stanchi, pur a parità di impegno fisico rispetto agli altri e a loro stessi in condizioni mentali differenti.” 

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Imparare dal Ghiaccio”, di Pietro Trabucchi, pubblicato su Correre n. 419, settembre 2019 (in edicola da inizio mese), alle pagine 64 e 65.  

Correre Settembre 2019

Il nuovo numero raggiunge i lettori nei primi giorni del mese e propone in allegato il semestrale Scarpe&Sport (costo delle due riviste abbinate 7,50 euro). Ecco i principali contenuti delle 180 pagine della rivista Reportage – Correre nell’arcipelago dei sogni: il reportage del nostro Leonardo Soresi dal Triple Artic Lofoten Ultratrail, 165 km con 7.000 […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

L’approfondimento che fa la differenza

28 Agosto, 2019

Non siamo certo gli unici a fornire informazioni che aiutano a correre. Il nostro impegno è di favorire lo sviluppo di una passione consapevole attraverso una maggiore conoscenza  Approfondimento per runner di livelli diversi. Avete presente quando in un messaggio pubblicitario ci viene ricordato che “Sono i dettagli a fare la differenza”? Correre di settembre […]

Podisti: ipertensione in aumento

28 Agosto, 2019

Negli ultimi anni si è assistito a una crescita di runner apparentemente ipertesi. Vediamo di capire quando sia realmente necessario assumere farmaci e quando invece ci si trovi in una situazione di “normalità fisiologica”, utile al corretto svolgimento delle funzioni dell’organismo   Con l’aumento dell’età media dei praticanti sono cresciuti anche i podisti che prendono […]

Il piede del runner: quel dolore sotto al malleolo

28 Agosto, 2019

Il dolore si manifesta in corrispondenza della parte esterna della caviglia e spesso è causato da un’inclinazione verso l’interno dell’asse anteriore del piede stesso. Di norma non c’è gonfiore locale, ma la sofferenza rende difficile la corsa. A lungo termine il problema rischia di cronicizzarsi al punto da causare problemi anche a camminare Poniamo l’attenzione […]

Cibo e corsa: acqua e zucchero sotto sforzo

28 Agosto, 2019

Il rifornimento di acqua, minerali e carboidrati diventa un problema per chi gareggia sulle lunghe distanze, perché durante la corsa l’apparato digerente fatica ad assorbire più di una certa quantità di nutrienti. Le soluzioni che transitano meglio dallo stomaco hanno 5-6 g di zucchero ogni 100 g di acqua, ma i tempi di assorbimento sono […]

FAQ Maratona, domande e risposte – 1ª parte

28 Agosto, 2019

Quando si affronta la preparazione per la gara-mito di 42,195 km, più ci si allena più sorgono dubbi. “Frequently Asked Questions” (FAQ) è l’obiettivo in due puntate dell’intervento del nostro collaboratore-coach, Lorenzo Falco  Maratona: tanti dubbi… ma altrettante risposte. In questo articolo e sul prossimo numero esamineremo i 10 argomenti più dibattuti a proposito della […]