fbpx

La forza che serve al runner, soprattutto per evitare infortuni

29 Gennaio, 2019
Foto: Michele Tusino

“Tra i molti tasselli che compongono il grande puzzle del running, la forza funzionale ricopre un ruolo fondamentale. Senza allenare questa componente non potremo mai costruire un corpo che possa correre davvero senza infortunarsi. La tecnica, per quanto possa essere buona, sarà inutile se non supportata da muscoli e tendini forti.” Questa è la spiegazione del “perché” Daniele Vecchioni, su Correre di febbraio, affronta il tema dell’allenamento della forza funzionale alla corsa.

La forza funzionale 

“Forza funzionale – fa notare Vecchioni – oggi è un’espressione un po’ abusata. Per me è fondamentale, ancora una volta, partire dall’individuo naturale, dalla sua vita e dal suo uso del corpo: un esercizio di forza funzionale deve quindi essere pensato nell’ottica di essere, appunto, funzionale al corpo umano. In sostanza, si deve lavorare sulla muscolatura e sulle strutture secondo gli stimoli e gli schemi motori che queste riceverebbero in natura. Inoltre, dal momento che la corsa è una forma di locomozione e abilità naturale, diventa evidente come ciò che è funzionale a essa lo debba essere anche per ogni essere umano e viceversa. 

Nella mia definizione non ci sarà dunque spazio per esercizi e allenamenti che coinvolgono gruppi muscolari senza rispettarne la funzione e il ruolo svolto all’interno del movimento, per attività che mirino a rendere i muscoli forti a discapito della loro funzionalità o che facciano lavorare il nostro corpo secondo schemi motori che in natura non ci troveremmo mai a utilizzare. Quando si tratta di allenamento, la cosa migliore è restare quanto più vicini alle nostre origini.”   

Tre esercizi fondamentali 

Ecco allora proposta (nello spazio “Allenamento” dedicato come ogni mese agli insegnamenti del “Correre naturale”) una dettagliata descrizione di tre esercizi fondamentali: Il plank, il ponte per i glutei e lo squat dinamico. Attenzione, però: “Conoscere i movimenti giusti non basta: per trarne il massimo vantaggio è fondamentale anche sapere come inserirli nella propria vita di ogni giorno. Il mio consiglio è di approcciarli molto gradualmente, specie se non si è abituati a esercizi di questo tipo. Si comincerà con l’eseguire ogni attività anche solo per pochi secondi o per poche ripetizioni e a capire come il corpo risponde al movimento. Ricordate che la qualità è più importante della quantità, in questo caso. A nulla vale tenere la posizione di plank per un minuto o eseguire 30 squat dinamici, se per farlo si deve sacrificare la forma. Piuttosto, concentratevi sul fare molti piccoli snack motori nel corso della giornata, inserendo gli esercizi per il tempo o per le ripetizioni che il vostro corpo si può permettere di sostenere in quel momento, senza arrivare a forzare troppo”. 

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Forza secondo natura”, di Daniele Vecchioni, pubblicato su Correre n. 412, febbraio 2019 (in edicola a inizio mese), alle pagine 54-57.

Correre Febbraio 2019

Questo mese parliamo di… Buone notizie – Tra le 33 onorificenze al merito della Repubblica Italiana conferite dal Presidente Sergio Mattarella, ci sono anche due realtà del mondo della corsa: il podista siciliano Vito Massimo Catania (nominato “Commendatore”) e i coniugi Crippa (nominati “ufficiali”), genitori adottivi anche dei campioni Yemaneberhan e Nekagenet.  Maximaratona – Nel 2018 […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Istinto e razionalità nel cervello del runner: amici o nemici? 

29 Gennaio, 2019

“Usare il cervello” o “agire d’istinto”?  È convinzione diffusa che la scelta tra una o l’altra modalità dipenda dal carattere della persona: ci sono gli istintivi e i razionali. In realtà ognuno di noi dispone di due cervelli, anche se non sempre ben collegati. Il destro è quello più istintivo, mentre il sinistro è il […]

Migliorare sui 10 km: la lezione dei top runner

29 Gennaio, 2019

Dietro le grandi performance c’è spesso una dedizione totale e una programmazione in cui contano sia l’intensità dei lavori sia la capacità di collocare al momento giusto la seduta più utile al raggiungimento della forma. Negli ultimi giorni del 2018 avevano fatto notizia due prestazioni sui 10 km su strada: quella dello svizzero Julien Wanders […]

Lezioni sul “Chilometro verticale” 

29 Gennaio, 2019

Un adeguato rapporto forza-peso, un’ottima potenza aerobica, una grande determinazione. Sono queste le tre caratteristiche che Fulvio Massa definisce come fondamentali per la riuscita di una prova di chilometro verticale.  Come tali, il nostro “trail coach” le analizza a fondo in un contributo su Correre di febbraio e fornisce le indicazioni per allenarle al meglio. […]

Ecco Maximaratona, con nomi e tempi di tutti i maratoneti italiani

29 Gennaio, 2019

Sono 37.874 le donne e gli uomini d’Italia che nel 2018 hanno portato a termine almeno una maratona. In totale hanno prodotto 59.911 tempi.  Un elenco d’immensa passione  Nomi e tempi ottenuti da tutti i maratoneti italiani nel 2018 sono pubblicati in Maximaratona, che raggiunge i lettori in allegato a Correre di febbraio 2019. In […]

Tutto sulle salite

29 Gennaio, 2019

Un periodo fondamentale, la seconda parte dell’inverno. Lo è sia per il runner consolidato sia per quello che ha scelto di aumentare il proprio impegno e porsi degli obiettivi agonistici. Gli allenatori definiscono questo momento della stagione come “periodo dedicato alla costruzione organica e muscolare”.  Le ripetute brevi e lunghe in salita, su percorsi ben […]

Un Correre… più nuovo del solito 

29 Gennaio, 2019

Sul numero di febbraio 2019 i lettori si trovano davanti la riorganizzazione delle sezioni di allenamento: singole riviste nella rivista, articolate ognuna in una pluralità di contributi, che da una base tecnica che non mancherà mai evolvono a coinvolgere l’appassionato con interviste, spunti, contributi “altri” dai consigli specifici per il lavoro fisico. Accade per l’allenamento-base, […]