fbpx

Istinto e razionalità nel cervello del runner: amici o nemici? 

29 Gennaio, 2019
Foto: 123rf

“Usare il cervello” o “agire d’istinto”? 

È convinzione diffusa che la scelta tra una o l’altra modalità dipenda dal carattere della persona: ci sono gli istintivi e i razionali.

In realtà ognuno di noi dispone di due cervelli, anche se non sempre ben collegati. Il destro è quello più istintivo, mentre il sinistro è il più razionale, matematico, logico. Benché quest’ultimo sia quello più utile dal punto di vista lavorativo e funzionale, il destro è il solo che permette di cogliere il senso delle cose nel loro insieme e di trovare dunque stimolo e motivazione al cambiamento. 

Tre testi illuminanti

Questo è, in sostanza, il tema affrontato da Luca Speciani su Correre di febbraio, dove condivide con il lettore le proprie riflessioni generate dalle recenti letture di tre testi: Il linguaggio del cambiamento di Paul Watzlawick (“uno dei creatori della psicoterapia strategica”, sottolinea Speciani), Percezioni del neurologo inglese Beau Lotto e Opus dello psicologo dello sport Pietro Trabucchi, che è anche collaboratore di Correre.

Tutto è soggettivo

“Il punto sollevato da Lotto e da Watzlawick – spiega Speciani – è che la visione del mondo non può mai essere oggettiva, ma sempre solo soggettiva. Il colore rosso che vediamo noi non è lo stesso che vede un’altra persona, ma soprattutto non corrisponde a una realtà oggettiva (il rosso, come ogni altro colore, non è altro che una gamma di frequenze della luce: siamo noi, con il nostro cervello, a trasformarla in una percezione di colore). E se quella tonalità è solo dentro di noi, sarà dentro di noi anche quella pista di atletica o quel dolore ai quadricipiti derivante dall’accumulo di acido lattico dopo la gara. Capire che ciò che crediamo oggettivo esiste solo nella nostra testa può essere un pensiero in parte destabilizzante, ma che ci consente, mutando il punto di vista, di modificare alcune convinzioni che hanno magari bloccato la nostra crescita interiore o i nostri progressi sportivi fino a oggi.” 

Cervello rettile e corteccia 

“Per superare queste resistenze – prosegue Speciani -, ci viene in aiuto Opus, nel quale Pietro Trabucchi ci ricorda come il nostro cervello rettile (la componente ancestrale del cervello, che abbiamo appunto in comune con i rettili) segua istruzioni di sopravvivenza elementare, opposto alla corteccia più recente (in particolare i lobi prefrontali), la componente cerebrale che ci permette scelte più elaborate.

Questa possibilità di scelta razionale (come ad esempio il dilazionare una soddisfazione in cambio di un vantaggio maggiore) è quella che ci differenzia da ogni altro animale. Se mostro del cibo a un cane o a un gatto affamati, quelli lo mangeranno senza porsi dubbi, perché il loro cervello rettile così ha comandato con soddisfazione per milioni di anni. Un uomo invece può decidere di non mangiarlo per non ingrassare, perché non è sicuro della sua salubrità, perché vuole dividerlo con altre persone, perché sta per partire per una gara, perché sa di essere intollerante a quell’alimento. E così facendo va in conflitto con il proprio cervello rettile, istintivo, traendone tuttavia un vantaggio maggiore, nel tempo, rispetto alla soddisfazione immediata. Ma è sempre così facile superare questo conflitto, far lavorare i due cervelli come amici e non come nemici? 

Obiettivi sfidanti, ma al tempo stesso possibili

“La corteccia prefrontale agisce per obiettivi e ricompense. Gli obiettivi però devono essere, secondo Trabucchi, sfidanti e nello stesso tempo possibili. Se riesco, con una pianificazione graduale e intelligente, a rendere sfidanti ma raggiungibili i primi passi di un piano di allenamento complesso, l’atleta che li conquisterà produrrà dopamina a sufficienza per far sì che il suo cervello rettile non si opponga a nuovi impegni ma anzi, in un certo senso, ne sia gratificato”.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Tra istinto e razionalità”, di Luca Speciani, pubblicato su Correre n. 412, febbraio 2019 (in edicola a inizio mese), alle pagine 60-62.

Correre Febbraio 2019

Questo mese parliamo di… Buone notizie – Tra le 33 onorificenze al merito della Repubblica Italiana conferite dal Presidente Sergio Mattarella, ci sono anche due realtà del mondo della corsa: il podista siciliano Vito Massimo Catania (nominato “Commendatore”) e i coniugi Crippa (nominati “ufficiali”), genitori adottivi anche dei campioni Yemaneberhan e Nekagenet.  Maximaratona – Nel 2018 […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Migliorare sui 10 km: la lezione dei top runner

29 Gennaio, 2019

Dietro le grandi performance c’è spesso una dedizione totale e una programmazione in cui contano sia l’intensità dei lavori sia la capacità di collocare al momento giusto la seduta più utile al raggiungimento della forma. Negli ultimi giorni del 2018 avevano fatto notizia due prestazioni sui 10 km su strada: quella dello svizzero Julien Wanders […]

La forza che serve al runner, soprattutto per evitare infortuni

29 Gennaio, 2019

“Tra i molti tasselli che compongono il grande puzzle del running, la forza funzionale ricopre un ruolo fondamentale. Senza allenare questa componente non potremo mai costruire un corpo che possa correre davvero senza infortunarsi. La tecnica, per quanto possa essere buona, sarà inutile se non supportata da muscoli e tendini forti.” Questa è la spiegazione […]

Lezioni sul “Chilometro verticale” 

29 Gennaio, 2019

Un adeguato rapporto forza-peso, un’ottima potenza aerobica, una grande determinazione. Sono queste le tre caratteristiche che Fulvio Massa definisce come fondamentali per la riuscita di una prova di chilometro verticale.  Come tali, il nostro “trail coach” le analizza a fondo in un contributo su Correre di febbraio e fornisce le indicazioni per allenarle al meglio. […]

Ecco Maximaratona, con nomi e tempi di tutti i maratoneti italiani

29 Gennaio, 2019

Sono 37.874 le donne e gli uomini d’Italia che nel 2018 hanno portato a termine almeno una maratona. In totale hanno prodotto 59.911 tempi.  Un elenco d’immensa passione  Nomi e tempi ottenuti da tutti i maratoneti italiani nel 2018 sono pubblicati in Maximaratona, che raggiunge i lettori in allegato a Correre di febbraio 2019. In […]

Tutto sulle salite

29 Gennaio, 2019

Un periodo fondamentale, la seconda parte dell’inverno. Lo è sia per il runner consolidato sia per quello che ha scelto di aumentare il proprio impegno e porsi degli obiettivi agonistici. Gli allenatori definiscono questo momento della stagione come “periodo dedicato alla costruzione organica e muscolare”.  Le ripetute brevi e lunghe in salita, su percorsi ben […]

Un Correre… più nuovo del solito 

29 Gennaio, 2019

Sul numero di febbraio 2019 i lettori si trovano davanti la riorganizzazione delle sezioni di allenamento: singole riviste nella rivista, articolate ognuna in una pluralità di contributi, che da una base tecnica che non mancherà mai evolvono a coinvolgere l’appassionato con interviste, spunti, contributi “altri” dai consigli specifici per il lavoro fisico. Accade per l’allenamento-base, […]