fbpx

Corsa e plantari tecnologici

21 Maggio, 2017
(Foto: 123RF)

Orientarsi nella scelta dei plantari più adatti non è facile, dal momento che ne esistono di diversi tipi: fatti sul calco del piede, a lievitazione, termoformati, preformati, computerizzati, dinamici o posturali. Cerchiamo di chiarire alcuni concetti di base, capendo qual è il più adatto a chi svolge un’attività impegnativa come la corsa. 

La storia delle ortesi plantari moderne vede l’impiego di materiali diversi: acciaio, cuoio, cuoio-sughero, poliuretano o etilvinil acetato (EVA). Le procedure di realizzazione più evolute partono dalla forma del piede ottenuta da calco in gesso o utilizzando il piede stesso. Moderne pedane con sensori pneumatici consentono una rapida rappresentazione tridimensionale della forma. Le possibilità di intervento progettuale più fini si ottengono con i sistemi cad-cam.

Il plantare può implicare degli interventi sulla postura, per cui risulta necessario un consulto di carattere medico-ortopedico, per esempio l’eventuale correzione di una dismetria, ovvero una diversa lunghezza degli arti inferiori. Potrebbe anche rivelarsi necessario ricorrere ad accertamenti radiologici o posturali.

Anche i rapporti angolari tra avampiede e retropiede rivestono grande importanza nella realizzazione ortesica: in questo caso le misurazioni sono rigorosamente manuali con strumenti adeguati e non vi è nessun esame computerizzato statico o dinamico che si possa sostituire a tale intervento.

Un’altra valutazione medica di cui si deve tenere conto ai fini della miglior riuscita del plantare è l’inclinazione dell’asse tibiale in carico: da esso dipende l’approccio del piede nei confronti del terreno e la determinazione di un compenso non può essere lasciata al caso.

Anche molti sportivi di alto livello, dalla velocità alle ultramaratone, hanno ottenuto i loro migliori risultati con un plantare ai piedi. Dopo un adeguato periodo di adattamento, il plantare non limita la prestazione ma, al contrario, preserva la muscolatura da un affaticamento precoce.

Correre Giugno 2017

Ecco i principali contenuti: Reportage – In occasione della sua 100 km, siamo volati a Hong Kong, un gigantesco mix di contrasti, in equilibrio tra modernità e tradizione. (Leonardo Soresi) Allenamento – Ci sono dettagli che fanno la differenza, anche nella corsa. I consigli di Orlando Pizzolato per migliorare curando riscaldamento e defaticamento, stretching, sonno […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Estate senza paura

21 Maggio, 2017

Ci sono runner che con l’arrivo del caldo e dell’estate vanno in tilt e rischiano di vanificare la buona preparazione dei mesi precedenti. Altri, invece, smettono di gareggiare e pensano già a costruire una maratona tra ottobre e novembre. Due condizioni opposte, ma ugualmente da modificare per mantenere la condizione e scegliere i primi obiettivi […]

Dettagli che fanno la differenza

21 Maggio, 2017

  Non soltanto ripetute e fondo medio. Dobbiamo imparare a curare anche gli altri dettagli che costruiscono la totalità di una prestazione: il riscaldamento e il defaticamento, lo stretching, il sonno e l’alimentazione. Se per il podista dilettante l’impegno si esaurisce nell’ambito della seduta, l’atleta professionista dedica più energie e più attenzione anche ai dettagli, che […]

Campioni ai box

21 Maggio, 2017

Uno dei più grandi problemi che stanno bloccando la crescita e il rendimento ad alto livello del nostro settore mezzofondo e fondo è l’impressionante serie d’infortuni in cui incappano i nostri portacolori. Nelle ultime stagioni non si è salvato quasi nessuno, già a partire dai più giovani talenti in circolazione. Una ventina di atleti di […]

Vita uguale H2O

21 Maggio, 2017

  L’acqua costituisce il 70% del nostro corpo, percentuale che scende con l’invecchiamento. Sulla qualità dell’acqua si è detto di tutto e di più, ma un paio di cose devono essere chiare: un’acqua buona deve essere batteriologicamente pura e del tutto priva di sostanze inquinanti. La quasi totalità delle acque in commercio, compresa quella che […]