fbpx

Correre al femminile: la forza di guardare avanti

08 Maggio, 2020
Foto: 123RF
È questo il termine che fa da filo conduttore alle consuete sei pagine dedicate alle donne. Esprimere la volontà di darci una scossa durante questa lunga quarantena, una spinta per continuare, nonostante tutto, a guardare con fiducia al futuro. Dal punto di vista sia fisico sia psicologico.  

Questi mesi anomali hanno messo alla prova tutte e tutti. É innegabile. E la parola forza, in tutte le sue forme – protagonista della rubrica Verbatim, le pagine dedicate alla corsa al femminile del numero di Correre di maggio –, è stata citata spesso e volentieri nelle nostre conversazioni. Perché come mai prima d’ora la comunità intera ne ha bisogno. 

Una spinta per continuare

Forza è dunque un termine che Julia Jones e Maria Comotti hanno scelto senza esitazione. Per esprimere la volontà di darci una scossa durante questa lunga quarantena, una spinta per continuare, nonostante tutto, a guardare con fiducia al futuro. Dal punto di vista sia fisico – con idee per mantenere attivi i muscoli reduci da una lunga reclusione – sia, naturalmente, psicologico. Con uno sforzo che potrà essere utile anche a lungo termine. Per uscire dalla crisi, appunto, più forti. 

La voce delle donne runner

Forza è anche quella che nasce dalla condivisione delle riflessioni, delle ansie e delle preoccupazioni, ma anche delle speranze. Quelle di tutti e quelle che emergono dalle parole delle runner del gruppo Facebook legato alla rubrica, le cui voci si intrecciano a quelle delle due autrici per trasmettere tutta la vasta gamma di emozioni e pensieri emersi nelle menti dei runner e di chiunque nel corso dell’emergenza Covid-19. Ognuna con il suo punto di vista personale, ognuna con la sua nostalgia per la corsa e la sua speranza di tornare a muoversi in libertà. 

La lezione di fair play di Nikki Hamblin 

Musa ispiratrice ed esempio di coraggio ed energia è questo mese Nikki Hamblin, rintracciata da Jones e Comotti in Belgio durante la quarantena. La mezzofondista neozelandese – balzata agli onori della cronaca per essersi fermata ad aiutare l’avversaria Abbey D’Agostino, caduta davanti a lei, durante la semifinale dei 5.000 m ai Giochi di Rio 2016 – ha esordito dicendo: «Ho accettato il fatto che il successo non sia legato a un podio». E ci ha raccontato la sua personale interpretazione di questo concetto.  

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi dei contenuti ospitati in Verbatim – Correre al femminile, la rubrica fissa dedicata all’universo delle donne che corrono, curata da Julia Jones e Maria Comotti, presente anche su Correre n. 427, maggio 2020 (in edicola a inizio mese), alle pagine 64-69.

Correre Maggio 2020

Questo mese parliamo di… Allenamento – Ripartire a tappe: dopo un lungo periodo di stop o di sola attività in casa, i consigli di Orlando Pizzolato per ricominciare a correre all’aperto e recuperare la forma persa. Programmazione – Con ambizione, ma senza fretta: ecco come tornare pronti per una 10 km o una mezza maratona. […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Maratona: quel record italiano prima che il mondo si fermasse

15 Maggio, 2020

Il 23 febbraio, a Siviglia, ha fermato il tempo di gara tre secondi prima del vecchio record italiano (il 2:07’22” dì Stefano Baldini, Londra, 23 aprile 2006). Subito dopo, però, l’epidemia di coronavirus ha fermato il nostro, di tempo. Così non c’è stato modo di festeggiare come meritava Eyob Ghebrehiwet Faniel. Della crescita tecnica del […]

Psicologia: quella naturale resilienza di fronte al Covid-19

07 Maggio, 2020

L’impatto emotivo e psicologico dell’isolamento sociale stimola i runner a ritrovare una capacità che è innata nell’uomo, che è stato progettato per resistere allo stress. Parola del nostro psico-coach, Pietro Trabucchi. “L’essere umano è un progetto migliore di quello che si pensa. La resilienza ce lo dimostra.” Apre così il suo articolo Pietro Trabucchi, il […]

Corse che saltano: che fine fanno le iscrizioni in caso di annullamento? 

28 Aprile, 2020

Si dà per scontato che, in caso di rinvio o cancellazione della gara, al partecipante sarà consentito ottenere il rimborso totale o parziale del costo di adesione o di potersi considerate già iscritto per l’anno successivo. Non è così. Bisogna sempre leggere bene il regolamento della manifestazione.  Dal mese di marzo, a causa della diffusione […]

Corsa su treadmill e su strada: ecco le differenze

28 Aprile, 2020

Entrato in molte case durante la quarantena, il tapis roulant si candida a diventare più di prima compagno di allenamenti di molti runner. Uno studio di biomeccanica ci permette di analizzare le principali differenze (e relativi effetti) tra la corsa su treadmill e quella su strada.   Con l’aiuto della biomeccanica e di Mauro Testa, […]

Voci dal verbo ripartire

28 Aprile, 2020

Questo numero di maggio raggiunge i lettori giusto in tempo per essere al loro fianco mentre ricominciano a correre fuori casa, ognuno partendo da un diverso dove, fisico o mentale: chi è rimasto fermo, chi ha fatto attività in casa, chi tra le proprie mura ha potuto correre su un tapis roulant.  Siamo noi i […]