fbpx
Donne e corsa

Correre al femminile: ecco il nuovo ciclo della rubrica dedicata alle runner 

Foto: Arch. Eliana Patelli
Di: A cura della redazione
Anno nuovo, nuova rubrica, anzi, nuovo approccio per continuare a portare in superficie la corsa vissuta dalle donne. In ogni numero dedichiamo sei pagine a declinare una parola chiave, partendo dal tema complesso che viene sviscerato su Correre di gennaio: “rinascita”.

Una nuova edizione di “Correre al femminile” attende lettrici e lettori su Correre di gennaio, curato da Julia Jones e Maria Comotti, che così spiega il progetto nel proprio editoriale: “Nel corso di quest’anno selezioneremo infatti (speriamo anche insieme a voi), 12 parole che abbiano una forza intrinseca particolare, che sappiano dunque rappresentare un mood ben definito, il motore attorno a cui costruire una condivisione di esperienze e di suggerimenti. Sulle pagine di Correre vedrete il risultato di un incontro virtuale, sviluppato per un mese intero all’interno di un gruppo Facebook segreto, composto da una settantina di donne che non hanno timore di esprimersi e di condividere sé stesse.”

Una “musa” ogni mese

“Oltre alle loro storie – prosegue Maria Comotti -, ci sarà anche una Musa (un personaggio, italiano o straniero, con una storia emblematica da raccontare) che sappia ispirare i lettori sulla parola del mese, insieme a tanti piccoli spunti tratti da libri, film, canzoni… E non mancherà, a fare da apripista, l’introduzione tematica con alcuni spunti pratici di training firmata Julia Jones, perché, alla fine, siamo pur sempre runner.”

Prima parola: rinascita

Tutto questo comincia su Correre di gennaio, con gli spunti e le emozioni che si accendono attorno alla parola “rinascita”, così interpretata:

  • come arabe fenici: quale momento migliore del mese di gennaio per cercare e trovare spunti per rigenerarsi, trasformarsi e rifiorire. Il significato profondo della prima voce di un vocabolario che accompagnerà le pagine dedicate alle donne runner per tutto il 2020;
  •  la musa ispiratrice: Eliana Patelli – Una storia dolorosa alle spalle, di violenza e maltrattamenti da parte dell’ex marito. Dalla quale la bergamasca (nella foto) ha saputo uscire dopo dieci anni di inferno. Con il running come àncora di salvezza che le ha portato vittorie e soddisfazioni. Oggi l’atleta ha deciso di condividere la sua storia, sportiva e non, con noi;
  •  quando il running ci mette del suo: tante runner hanno iniziato da subito a condividere, sul nuovo gruppo Facebook legato al progetto, le loro esperienze legate al rinnovarsi. Termine che può declinarsi davvero in tanti modi, nell’esistenza di ogni individuo; 
  • diciamo la nostra: le due autrici della rubrica concludono la puntata raccontando i rispettivi momenti di rinascita attraverso la corsa.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi dei contenuti sviluppati all’interno della rubrica “Correre al femminile” (prima puntata dedicata alla parola “rinascita”), di Maria Comotti e Julia Jones, pubblicato su Correre n. 423, gennaio 2020 (in edicola da inizio mese), alle pagine 70-75.

Articoli Correlati

Teresa Montrone e Sara Dossena
Teresa Montrone: la matematica maratoneta
donne che corrono
Donne e corsa: un libro solo per loro
Una corsa per fermare la violenza sulle donne
“Stop Violence – Run Together”, una corsa per fermare la violenza sulle donne
Da sinistra: Edith, Cinzia ed Erika.
Maratona di Ravenna: arriva l’appuntamento finale del progetto “Correre al femminile 2018” 
Ricominciare a correre
Ricominciare a correre: un’emozione da farfalle nello stomaco
Le donne vanno sempre più di corsa. MyMarathon le accompagna al traguardo