fbpx

Allenamenti per mantenersi a un buon livello

Foto: 123rf
È il momento di incrementare il chilometraggio con sedute di corsa lenta e di pianificare con cura la preparazione invernale, per migliorare la resistenza di base. Con i consigli di Orlando Pizzolato.

“Parlare ora di programmazione dell’allenamento fa un certo effetto, considerando che per molti mesi non c’è stata la possibilità di gareggiare e che la preparazione di molti podisti non ha potuto seguire un metodo classico”, esordisce il nostro esperto Orlando Pizzolato. 

Rispetto alla strutturazione piramidale degli allenamenti di atleti élite stilata dal guro neozelandese degli anni Cinquanta e Sessanta, Lydiard, Pizzolato ipotizza alcune variazioni, così da rendere la programmazione più idonea agli atleti amatori. 

“Il concetto base nella programmazione di Lydiard può essere riassunto con il picco di forma, conseguibile un paio di volte l’anno, – spiega Pizzolato -. L’amatore invece partecipa a più gare, anche senza avere la pretesa della massima prestazione, puntando piuttosto a mantenere un livello costante di rendimento, mediamente buono. In tal caso è possibile pianificare tabelle che permettano di avere 5 o 6 momenti all’anno di buona forma.”

Una nuova proposta di programmazione

Proseguendo nell’articolo, Pizzolato illustra quindi la sua proposta di programmazione, organizzata in cicli di 10 settimane, in cui trovano spazio 5 blocchi quindicinali di sedute ben definite. 

Le prime 3 settimane servono per fare dei richiami di resistenza aerobica e di capacità aerobica, mentre l’ultima è invece di rigenerazione.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Per mantenersi a un buon livello”, di Orlando Pizzolato, pubblicato su Correre n. 433, novembre 2020 (in edicola da inizio mese), alle pagine 20-21.

Correre Novembre 2020

Questo mese parliamo di…: Panorama – A Valencia, lo scorso 7 ottobre, Joshua Cheptegei ha superato Bekele (27’17”53) stabilendo il record del mondo dei 10.000 m in 26’11”. Con Correre il fenomeno ugandese avevamo iniziato a conoscerlo già nel 2014, quando a Eugene si aggiudicò proprio i 10.000 m ai Mondiali Juniores. Riviviamo le emozioni […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Skyrunning: il record di Magnini sull’Ortles

08 Novembre, 2020

Tutti i dettagli di uno degli eventi di running off-road più importanti del 2020, l’impresa del giovane Davide Magnini, che lo scorso 10 luglio aveva raggiunto la cima più alta del Trentino-Alto Adige in 2:18’15”. “Il futuro è dalla sua parte: quando Davide Magnini, portacolori del Centro Sportivo Esercito e atleta del team Salomon, ha […]

Emozione batte distanziamento

31 Ottobre, 2020

La pandemia ha fatto germogliare un sentimento nuovo: il legame fra organizzatori e podisti accomunati da passione e senso di responsabilità Ho dovuto e voluto dedicare il mio editoriale di Correre di novembre al cambio di proprietà della nostra casa editrice. Non potevo fare altrimenti, visto il rapporto di fiducia che si è consolidato con […]

Editoriale Sport Italia: cambia la proprietà della casa editrice di Correre 

29 Ottobre, 2020

Un avvicendamento che è intervenuto in continuità con l’attività svolta fin dalla fondazione dell’azienda, avvenuta nel 1981. In occasione dell’annuale assemblea di bilancio, i due fondatori hanno ceduto le proprie quote societarie a un insieme di professionisti formato da quattro responsabili di settore già attivi nella casa editrice stessa e tre specialisti del mondo digitale. […]

Allenamento – Tutto sui test

Sedute specifiche con lo scopo di indagare la propria condizione di forma, i progressi e l’andamento del programma di preparazione. Eccone alcuni esempi, pensati per differenti distanze. Quando ci si avvicina a un impegno agonistico preciso oppure a un gruppo di competizioni ravvicinate, come si può stabilire se la propria progressione è valida o se […]

Running e inclusione: ecco la prima atleta trans a partecipare a un campionato italiano di corsa nella categoria del proprio genere percepito

29 Ottobre, 2020

Sempre più inclusivo il mondo dell’atletica: lei è Valentina Petrillo, prima atleta trans a partecipare – e a vincere – un campionato italiano nella categoria del proprio genere percepito. «Serve più cultura, non solo sportiva», ci racconta. Ci sono conquiste che valgono più di una vittoria. Essere annunciate per nome di battesimo e non più […]