fbpx

Alimentazione in gara: ancora errori evitabili

21 Giugno, 2017
(Foto: 123rf)

Durante una competizione sarebbe opportuno non assumere alcunché di solido. Il perché ce lo spiega la scienza: per la loro intensa richiesta di sangue, apparato muscolare e digestivo non possono ben funzionare contemporaneamente.

Stomaco vuoto sotto sforzo

Saggezza scientifica vuole, dunque, che sotto sforzo lo stomaco sia completamente vuoto e non impegnato da alcuno sforzo digestivo. L’unica cosa che succede a uno stomaco che riceve cibo solido sotto sforzo, è che tale cibo rimane là fermo, senza scendere né salire, fino a che non vi saranno le condizioni di tranquillità che consentiranno la prosecuzione della digestione.

Meno sangue ai muscoli

Ma non è tutto: la permanenza di quel cibo nello stomaco per alcune ore sottrae continuamente sangue ai muscoli, che si affaticheranno prematuramente, non potendo ricevere – attraverso il sangue – tutto l’ossigeno necessario a muoversi.

È ingenuo credere che una barretta “energetica” (che contiene grassi, proteine e zuccheri) sia molto più facilmente assimilabile: sotto sforzo si ferma tra il cardias e il piloro, al pari di un fritto misto.

Una permanenza troppo lunga abbinata a uno sforzo troppo intenso, può anche portare al vomito come tentativo estremo di pulizia gastrica.

Solo zuccheri liquidi

Posto che alimentarsi in gara serve solo per prestazioni superiori alle tre ore, andrà fatto solo con sostanze liquide: le uniche in grado di attraversare rapidamente lo stomaco, rendendo disponibile il proprio contenuto al duodeno e al resto dell’intestino, che potrà così assimilarlo.

Ma non tutto è utile all’atleta in gara. Se infatti assumiamo proteine, il corpo dovrà sottostare a un inutile costo energetico per deaminarle e utilizzare gli scheletri zuccherini dei pochi aminoacidi gluconeogenetici (quelli in grado di generare zuccheri). Se poi assumiamo grassi, evidentemente ignoriamo il fatto che un corpo magro dispone già di qualcosa come 150.000 kcal sotto forma di grassi! Il vero e unico fattore limitante una prestazione di endurance sono dunque gli zuccheri, che per essere assimilati richiedono una formulazione liquida.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Cibo in gara, gli errori da evitare”, di Luca Speciani, pubblicato su Correre n. 393, luglio 2017 (in edicola da sabato 24 giugno), alle pagine 64-65.

Correre Luglio 2017

Cosa c’è su Correre di luglio?  Personaggi – La storia di un talento che non ha mai smesso di mettere a frutto la sua passione per la corsa, dai 1.500 m ai Mondiali negli anni ’90 sino alle gare su strada dell’ultimo decennio. Col cruccio di un’Olimpiade sfiorata. La storia di Davide Tirelli. (Saverio Fattori) […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Il runner che sa invecchiare correndo

21 Giugno, 2017

Un filo conduttore percorre diverse pagine di Correre di luglio e affronta il tema dell’invecchiamento nella corsa. La resistenza mentale all’invecchiamento Pietro Trabucchi, nel suo ruolo di psicologo dello sport, segnala che c’è una resistenza mentale ad accettare l’invecchiamento: il decadimento della prestazione, prodotto dall’età che avanza, a volte è vissuto come un dramma, ma […]

Maratona: questione (anche) di muscoli

21 Giugno, 2017

Anche in una disciplina aerobica come la maratona, il rendimento complessivo può migliorare notevolmente curando particolari “extra running”. Peggioramenti prestativi Con l’avanzare dei chilometri, ci sono alcuni distretti muscolari che risentono maggiormente della stanchezza. Ve n’è uno in particolare, però, che ha una rilevante incidenza sulla tenuta biomeccanica e che non scade con la stessa […]

Run 5.30: il tour 2017 è al giro di boa

21 Giugno, 2017

Sei tappe in archivio, cinque ancora da disputare, di cui una in Inghilterra, per la prima volta nella città di Brighton. Run 5.30 giunge quest’anno alla nona edizione, con una crescita costante testimoniata dall’impennata di iscritti: dai circa 600 della tappa d’esordio, ai quasi 35.000 del 2016. I prossimi appuntamenti Dopo Verona, Milano, Torino, Modena, […]

La calda estate del runner: prudenza, conoscenza ed (eventualmente) integratori

21 Giugno, 2017

La più bella delle stagioni della corsa è anche quella dove il rendimento può essere condizionato dalle alte temperature. Fondamentale riteniamo sia la consapevolezza di quello che accade nel nostro corpo quando corriamo mentre fa molto caldo. Ecco perché, accanto al consueto speciale integratori (20 prodotti per il reintegro idrosalino), su Correre di luglio vi […]