fbpx

I danni della dieta “mima-digiuno

22 Dicembre, 2016
123 rf

Regolari e prevedibili, dopo il can can mediatico scatenato dalle Le Iene, cominciano ad arrivare nel nostro studio le prime vittime della nuova dieta super-ipocalorica. In che cosa consiste la dieta mima-digiuno? Un giorno a 1.000 kcal seguito da quattro giorni a 750 kcal. Una dieta da fame, che può generare attacchi bulimici, depressione, infertilità, perdita di muscolo, rallentamento tiroideo.

Il dottor Valter Longo, inventore di questa dieta pazzesca e pericolosa, sostiene che la sua utilità stia nel ridurre la quantità di GH (l’ormone della crescita) prodotto. Tale riduzione proteggerebbe dai tumori uomini e animali. Occorre però distinguere con chiarezza tra alimenti in grado di provocare tumori ˗ come ad esempio i salumi contenenti nitriti, i cereali inquinati da aflatossine, le carni trattate con estrogeni, la frutta trattata con pesticidi, i cibi con coloranti e additivi industriali ˗ e quelli che possono favorirne lo sviluppo solo una volta che il tumore sia in essere. Su questo fanno confusione diversi nutrizionisti anche molto preparati. Longo non fa eccezione.

È infatti molto diverso dire che il GH genera tumori o dire che in un paziente ammalato di cancro il GH accelera lo sviluppo del tumore. La prima affermazione è falsa (se non per quantità innaturali esogene), mentre la seconda è vera.

Il GH è un ormone prezioso, un anabolizzante prodotto naturalmente dal nostro corpo per costruire muscoli e gestire ogni sano fenomeno di crescita cellulare, dalla densità ossea alla cicatrizzazione delle ferite.

Quando un cancro si sta sviluppando è senza dubbio possibile contrastarne l’evoluzione utilizzando ogni arma possibile per rallentarne la crescita. Il digiuno aiuta, in un certo senso “affama” il tumore. Così come aiuta evitare qualunque cibo, come la carne rossa o i latticini, o un eccesso proteico in genere, in grado di stimolare l’anabolismo cellulare. E ancora va tenuto lontano lo zucchero, per gli effetti anabolizzanti e pro-infiammatori dell’insulina. E naturalmente vanno evitate assunzioni di ormoni anabolici come GH, testosterone, estrogeni (pillola, terapia sostitutiva per la menopausa), steroidi anabolizzanti. Ma non ha alcun senso ridursi estrogeni o testosterone se si è sani, nella speranza di correre meno rischi.

Nota: questo contributo rappresenta una sintesi del servizio intitolato “della dieta mima-digiuno e altro”, pubblicato su Correre n. 387, gennaio 2017, a firma dello stesso Autore

Correre Gennaio 2017

Il 2017 di Correre fa subito rotta sulla consapevolezza. Gli anni passano e far finta di non sentirli non porta da nessuna parte, specie se vogliamo continuare a toglierci soddisfazioni nella corsa. Questa considerazione fondamentale percorre gli interventi sia di Orlando Pizzolato (ripasso dei “fondamentali per gli over 40), sia di Luca De Ponti (ginocchia […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Maratona: i “top” sono sempre più giovani

27 Dicembre, 2016

Il 2016 ha visto confermata, tra gli uomini, la tendenza di molti atleti promettenti a specializzarsi subito nella distanza regina, senza prima aver frequentato con successo il mezzofondo prolungato e senza più timori per la giovane età. A parte il 2:03’59” realizzato nel 2008 a Berlino da Haile Gebreselassie, tutti gli altri nove migliori tempi […]

Transalpine Run, il nostro reportage

22 Dicembre, 2016

Una traversata delle Alpi partendo dalla Germania, passando per l’Austria e approdando infine in Italia. Affrontata in coppia, in sette tappe per sette giorni. È la Transalpine Run, un’esperienza da vivere, ma anche da raccontare. Il mondo del trail è cambiato e sono nati tantissimi ultratrail più lunghi e più estremi, eppure il successo della […]

Pizzolato: i miei consigli per i runner over 40

22 Dicembre, 2016

Una corsa su strada in un caldo pomeriggio d’estate, 10 km in due giri. Al passaggio intermedio, rivolsi agli atleti consigli sulla meccanica di corsa, specialmente al ragazzo che allenavo. «Altro che mio marito!» esordì una donna che aspettava il compagno, in cui in effetti si coglieva una netta differenza di “stile”. «È questione di […]