fbpx
Foto Giancarlo Colombo

Come allenarsi a reggere la tensione

C’è una categoria di runner che Pietro Trabucchi (psicologo dello sport) definisce iperprogrammatori fragili: si allenano in maniera molto scrupolosa ottenendo, in proporzione al loro livello di età e competitivo, risultati lusinghieri. Risultano tuttavia incapaci di reggere la pressione. Lo stress ne compromette vistosamente il rendimento.

Devono avere tutto sotto controllo e se accade un qualsiasi imprevisto la loro prestazione scade disastrosamente. Basta che il giorno della gara venga modificato un pochino il percorso, o che il meteo sia diverso dal previsto: la perdita di controllo assoluto viene vissuta come uno stress insopportabile. E sotto stress smarriscono lucidità e concentrazione, assumono decisioni sbagliate e impulsive, perdono il controllo del comportamento e la motivazione.
Livelli estremi di tensione comportano anche ripercussioni di tipo motorio, biologico e funzionale.

Non rimane quindi che allenare le persone a reggere la pressione. Questo è possibile e la ricerca lo ha dimostrato.
Nel numero di Correre di Febbraio Pietro Trabucchi ci spiega come e perché è importante allenarsi agli imprevisti.

Articoli Correlati

Walter Fagnan
100 km a 94 anni: ecco il fenomeno Fagnani
Quando è la sfida ad accendere la motivazione
È solo stress o è sindrome da superallenamento?
mangiare dolci
Così lo stress ti fa ingrassare
Tutti i limiti del pensiero positivo
Foto Giancarlo Colombo
Il piacere estremo di correre la maratona