Alla ricerca del sacro Graal

Alla ricerca del sacro Graal

18 Settembre, 2015

Parliamo dell’EVA, il “co-polimero elastomerico” che da anni la fa da padrone nel comparto della produzione di intersuole per calzature sportive. Scopriamone caratteristiche, vantaggi e limiti.

Sono quasi cinquant’anni che i diversi operatori del mondo del running si rincorrono l’un l’altro alla ricerca del mitico “sacro Graal”, un ipotetico materiale ideale dotato di tutte le caratteristiche ottimali per la produzione dell’intersuola. La ragione di tanto accanimento è che l’intersuola è il singolo componente da cui maggiormente dipende il comportamento delle calzature. Poichè il feeling percepito durante la prima prova è quello che induce il potenziale acquirente a comprare o meno una calzatura, l’intersuola pesa moltissimo nella decisione d’acquisto.

Per molti anni l’EVA (Etil Vinil Acetato), un co-polimero elastomerico assai performante utilizzato in forma espansa, l’ha fatta da padrone rivoluzionando le scarpe per lo sport, mercato in cui detiene tuttora la quota di maggioranza.
L’EVA espanso è caratterizzato da una notevolissima serie di pregi, primo fra tutti la leggerezza, avendo una densità intorno a 0,2. A ciò aggiunge una buona combinazione di proprietà smorzanti, utili per l’ammortizzazione, elastiche, per la risposta elastica, e la disponibilità di diverse rigidità, per la portanza.

Il grosso limite delle intersuole in EVA è una resistenza a compressione non ottimale, con conseguente tendenza ad assumere deformazioni permanenti. Esempi ne sono lo schiacciamento, ovvero quando il materiale perde lo spessore originale, o la distorsione, che si evidenzia quando un iper pronatore si ritrova con delle scarpe deformate medialmente, schiacciate verso l’interno.
Da ultimo, la durata dell’EVA. Trattandosi di un materiale espanso a cellule chiuse, le singole “micro bolle” di aria contenute al suo interno si comportano elasticamente, mantenendo la forma e le dimensioni originali dell’intersuola per un buon lasso di tempo, che però non è eterno. Oltre una certa sequenza d’impatti ripetuti nel medesimo punto, le pareti che separano tali bolle possono cominciare a lacerarsi, il materiale può perdere di elasticità e l’intersuola può deformarsi.

Ammortizzazione sicura e durevole, questo è l’obiettivo comune a tutti i player del mercato delle calzature da running. Su Correre di settembre esploriamo insieme al nostro esperto Filippo Pavesi i sistemi più collaudati e i materiali più efficaci, dopo anni di ricerche e di testing da parte dei principali marchi del settore.

Articoli correlati

LightSpray, la tomaia “spruzzata” di On

21 Luglio, 2024

Con le Cloudboom Strike LS di On fa la sua prima comparsa la tecnologia LightSpray™, che permette di realizzare tomaie spruzzate a caldo con un processo di produzione in un unico passaggio. Alla vigilia delle gare olimpiche l’attenzione dei runner si concentra anche sulle scarpe ultraleggere e ultraveloci. Tra queste spicca la Cloudboom Strike LS […]

Appoggio del piede nella corsa: qual è il migliore?

Quello dell’appoggio del piede nella corsa è un argomento che non passa mai di moda. In genere sono presenti tre grandi gruppi di appartenenza legati alla prima zona del piede che tocca il suolo durante la stance phase (fase di appoggio a terra durante il ciclo della corsa): rearfoot striker: sono i runner in cui […]

Abc del running: come il corpo si adatta alla corsa

L’adattamento alla corsa è fondamentale per il nostro fisico in tante situazioni. Quando ci si avvicina per la prima volta al running ma anche quando si vogliono migliorare le prestazioni. La corsa, soprattutto negli ultimi anni, sta riscuotendo un enorme successo e sempre più persone si avvicinano con passione a questa disciplina. Succede molto spesso […]

Mizuno Wave Skyrise 3: il test su strada

30 Maggio, 2022

Abbiamo testato per voi la nuova Wave Skyrise 3 di Mizuno, una scarpa stabile e ben ammortizzata, che permette di correre su tutte le distanze, anche le più lunghe. Ideata per offrire una sensazione di corsa sempre più confortevole garantendo al tempo stesso un ottimo ritorno di energia. La Wave Skyrise 3 è stata progettata […]