fbpx

Alice Gaggi: dalla Valtellina al tetto del mondo

11 Ottobre, 2015

La corsa in montagna è il suo terreno di conquista. Nel 2006 l’esordio in nazionale Junior, tra i suoi successi più importanti il titolo iridato sia individuale sia a squadre nel 2013. Su Correre di ottobre vi raccontiamo Alice Gaggi e la sua storia. Sportiva e non.

Correva Alice, fin da piccola. A rincorrere farfalle nei prati e nei sentieri valtellinesi, palestra naturale dei suoi polmoni e muscoli che oggi le consentono divertimento e successi. Già, perché prima delle vittorie per Alice contano il piacere e la serenità. Solo così riesce a vincere. E tanto. Ne ha fatti di chilometri prima di mettersi al collo, nel 2013, quell’abbagliante medaglia d’oro mondiale. Numero uno al mondo. La migliore. Ne è passato di tempo, dalle prime cavalcate nelle campestri alle scuole medie, con l’eccitazione delle prime scarpe chiodate, finché la corsa non si è fatta seria, verso i diciotto anni. Ma ancora oggi lei giura che sia tutto un gioco.

Perché la corsa in montagna?

«Perché ci sono nata. Allaccio le scarpe, chiudo la porta di casa, scelgo il sentiero e in pochi minuti mi ritrovo in posti stupendi. Non conosco le parole noia o monotonia durante la corsa.»

Voglia di maratona?

«Ho 27 anni e prima o poi correrò anche la distanza olimpica, ma al momento non rientra nei miei obiettivi, dovrei stravolgere tutta la mia preparazione. Di sicuro il mio esordio sarà in una grande e importante gara con tanto pubblico e adrenalina, ma non credo che sarà New York, come in tanti mi dicono.»

Capitolo alimentazione, segue quale dieta particolare?

«Mangio tanta frutta e verdura, evito piatti fritti, salati o pesanti, ma non ho restrizioni particolari. Sto attenta, ma la mia dieta è varia e credo equilibrata. Solo a una cosa non posso rinunciare.»

A cosa?

«La torta al cioccolato che preparo personalmente. Forse è questa la mia vera benzina segreta.»

Su Correre di ottobre l’intervista completa a cura di Cesare Monetti

Articoli correlati

Simone Moro nell’abisso della vita

19 Dicembre, 2020

Chi vuol toccare il cielo deve mettere in conto il rischio di precipitare nell’abisso. Eppure, spesso proprio quell’istante di buio e terrore insegna più di mille altre esperienze e fa scaturire le risorse per risalire dalle infime profondità in cui si è caduti. La storia raccontata nel libro uscito lo scorso novembre Ho visto l’abisso […]

Montagne da salvare: nasce la Fondazione Kilian Jornet

25 Settembre, 2020

È nata la Fondazione Kilian Jornet: obiettivo principale la conservazione delle montagne e il loro ambiente. Tre aree principali d’intervento: azioni dirette, sensibilizzazione ed educazione, ricerca. La Fondazione Kilian Jornet, creata con la missione principale di preservare le montagne e il loro ambiente, avrà tre linee di intervento: azioni dirette, sensibilizzazione e ricerca. Per il […]

Montagna, appello di Reinhold Messner

15 Febbraio, 2020

Il più grande alpinista vivente pubblica un libro che afferma come ciascuno di noi debba impegnarsi per tutelare un ambiente naturale sempre più a rischio. Per colpa dell’uomo Reinhold Messner nel libro Salviamo le montagne lancia un appello che è anche un grido di allarme in difesa della montagna. Montagna che lui, il più grande […]

Le cime di Kilian Jornet

16 Novembre, 2019

Il grande campione spagnolo Kilian Jornet a nemmeno 25 anni aveva vinto ogni competizione possibile di corsa in natura e in montagna. In tutto il mondo era già considerato una leggenda vivente. Insieme ai grandi successi e alle mille vittorie era però arrivata anche una sensazione di stanchezza e di insoddisfazione. Tutto parte dal Cervino L’atleta pareva infatti essere […]