Meucci e Dal Ri vincono il titolo italiano alla Festa del Cross di Gubbio

(FOTO Giancarlo Colombo)
Di: Diego Sampaolo

Gubbio ha ospitato una bella edizione della Festa del Cross su un percorso affascinante intorno all’antico Teatro Romano. La rassegna tricolore, che ha fatto registrare 2200 atleti in rappresentanza di 299 società italiane, in terra umbra ha festeggiato il ritorno alle gare del campione europeo di maratona di Zurigo 2014 Daniele Meucci, che dopo un periodo di allenamenti in Eritrea, ha conquistato il secondo titolo italiano di cross della sua carriera al termine di una gara in rimonta.

L’ingegnere in robotica pisano ha terminato al terzo posto in 3’’23” nella gara valida per i Campionati di società al traguardo alle spalle del keniano Joash Kipruto Koech (runner tesserato per l’Atletica Potenza Picena), primo in 30’11” e del marocchino Hicham Laqouahi (Atletica Reggio), secondo in 30’18”.

Meucci ha recuperato posizioni dopo essere stato costretto a fermarsi per la perdita di una scarpa. Eyob Faniel Gebrehiwet è stato il secondo degli italiani al traguardo in 30’41” davanti a Marco Salami (ottavo) e a Marouan Razine (nono). Il campione europeo juniores dei 3000 siepi Yohanes Chiappinelli si è laureato campione italiano under 23 davanti a Said Ettaqi e a Alessandro Giacobazzi. L’Esercito si è aggiudicato il titolo per società maschile con 18 punti precedendo le Fiamme Gialle (35 punti) e l’Atletica Casone Noceto (51 punti).

L’esperienza del raduno in Eritrea mi ha dato tantissimo. Ho ancora tanto lavoro da fare ma vincere un titolo italiano al rientro dopo un infortunio era quello che ci voleva. Mi sono allenato ogni giorno con gli atleti africani e vivere ogni giorno con questi campioni mi ha ricaricato. Dopo la delusione delle Olimpiadi la mia volontà sarebbe quella di correre ai Mondiali di Londra”, ha dichiarato Meucci.

Vittoria in rimonta per la mamma trentina Federica Dal Ri, che ha superato la campionessa italiana assoluta dei 3000 siepi Francesca Bertoni durante l’ultimo giro. Successo a squadre per l’Esercito con 14 punti davanti all’Atletica Terni (41 punti) e al Cus Torino (52 punti). Bertoni è rimasta in testa per sette chilometri su otto ma nell’ultimo dei quattro giri ha subito la rimonta di Dal Ri. Bertoni si è classificata seconda in 28’41” precedendo di quattro secondi Barbara Bressi.

Francesca Tommasi e Nfamara Nije si sono laureati campioni italiani di cross nella gara under 20. Nije è fuggito da piccolo dal Gambia, suo paese di origine, e ha percorso a piedi il Nord Africa prima di attraversare il Mediterraneo su un gommone. E’ stato adottato in Italia da una famiglia di San Cesario di Lecce. La vittoria odierna conquistata con il tempo di 25’06” è la seconda della sua giovane carriera dopo quella di due anni fa a Fiuggi. Il secondo posto è andato a Sergiy Polikarpenko in 25’18”. Il ragazzo di origini ucraine è nipote di un giocatore di ping pong e figlio di un triatleta, che ha preso parte a tre olimpiadi e ha vinto un titolo europeo nel 1998. Il Cus Torino ha vinto il titolo a squadre maschile under 20 davanti al Cus Palermo e all’Ana Atletica Feltre. Francesca Tommasi, quattordicesima agli Europei di Cross di Chia nella gara under 20, ha preceduto Michela Cesarò e Ilaria Fantinel. L’Acsi Italian Atletica ha vinto la classifica under 20 femminile.

La trentina Nadia Battocletti, figlia d’arte dell’ex azzurro Giuliano Battocletti e il lombardo Luca Alfieri hanno conquistato il titolo allievi. Battocletti dell’Atletica Valle di Non e Sole si è imposta in 15’03” davanti alla campionessa italiana indoor under 18 dei 1000 metri Sophia Favalli. Alfieri si è imposto in 16’48” con 14 secondi di vantaggio su Awol Langella. Il trentino Massimiliano Berti e la lombarda Irene Arlati (figlia d’arte dello specialista del cross Andrea Arlati, decimo agli Europei 1996) si sono imposti nella gara cadetti.

La Lombardia ha trionfato nella classifica per rappresentative regionali cadetti con 382 punti davanti al Lazio e al Veneto.

Le donne del Cus Pro Patria Milano e gli uomini della Trieste Atletica hanno vinto i titoli italiani di staffetta.

Le milanesi capitanate da Giorgio Rondelli annoveravano la stessa formazione dell’anno scorso con Bianca Seregni, Carlotta Missaglia, Nicole Reina, Elisa Cova. La formazione triestina era formata da Tommaso Rota, Jacopo De Marchi, Elia Bugatto e Andrea Seppi.

Fabrizio Donato, argento agli Europei Indoor di Belgrado nel salto triplo, ha accesso la fiaccola durante la cerimonia inaugurale della Festa del Cross.

Articoli Correlati

Mezza maratona di Praga: Meucci e Faniel in una gara stellare
Kampala 2017: Kiplimo, c’è un po’ d’Italia nell’oro dell’Uganda
Kampala 2017, l’Uganda pronta a ospitare i Mondiali di cross